Vai al contenuto

Arnautovic batte i piedi per rientrare: ecco la data del ritorno in campo

Vicina la data del rientro di Arnautovic. La stagione 2023/24 di Arnautovic è stata tutt’altro che serena: l’austriaco tornato all’Inter dopo 13 anni è stato fin qui il principale neo di un gruppo eccellente e difficilmente contestabile. Tuttavia, sembrava che si stesse riprendendo dopo quei gol a Salernitana ed Atletico Madrid, la fiducia che potesse ritrovarsi era forte nell’ambiente. Invece, nella sua ex Bologna, nella trasferta di compleanno dell’Inter, agli ultimi minuti di gioco ha sentito dolore ed è stato costretto a lasciare il campo.

Arnautovic è ai box dal 9 marzo e ora scalpita per ritornare. La data del rientro è vicina, l’ultima parte della stagione l’austriaco potrebbe viverla in campo.

Arnautovic scalpita per rientrare: fissata la data del rientro

arnautovic carlos augusto

Era già stato costretto a fermarsi nel girone d’andata al Castellani contro l’Empoli, era rientrato e lentamente stava provando a riscattare una stagione largamente al di sotto delle aspettative, considerando che fosse la prima alternativa a Lautaro e Thuram (4 gol, 3 assist in 29 presenze). A Bologna di nuovo uno stop forzato per un infortunio muscolare al bicipite della coscia destra. Ad oggi il giocatore sta facendo lavoro individuale sul campo e sta scalpitando per poter essere nuovamente a disposizione di Inzaghi. L’ipotesi più probabile è quella di rivederlo nella trasferta di Udine della trentunesima giornata di campionato, in programma per lunedì 8 aprile alle 20:45.

Da questo finale di stagione dipenderà il futuro di Arnautovic all’Inter. Il contratto dura fino al 2025, ma senza le necessarie garanzie dal punto di vista della condizione fisica è difficile pensare che venga confermato nella rosa (nella quale è già certo l’arrivo di Taremi). Potrebbe sfruttare l’Europeo con l’Austria per mettersi in vetrina e attirare a sé la possibilità di fare qualche nuova esperienza, ora che a 34 anni le finestre disponibili per il futuro sono sempre meno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Alessia Lazzaroni

Alessia Lazzaroni