Vai al contenuto

Il barbiere dei giocatori dell’Inter: “Qualcuno ha già prenotato un taglio per lo scudetto”

Nel corso del podcast “Strade nerazzurre” è stato intervistato Andrea Discanni, barbiere noto per curare i capelli di molti giocatori dell’Inter.

Sul canale YouTubeINTER Per Sempre” va in onda un podcast intitolato “Strade Nerazzurre“. Nel format vengono intervistati personaggi che abbinano il proprio lavoro con la passione per l’Inter. Nel corso dell’ultimo episodio è stato intervistato il barbiere di molti giocatori dell’Inter, cioè Andrea Discanni.

Nel corso dell’episodio ha svelato qualche aneddoto riguardante le sue esperienze con i calciatori dell’Inter nel corso di questi anni. Ha rivelato anche una particolare richiesta avanzatagli da qualche giocatore in vista dell’ormai imminente scudetto.

“Quella di Eriksen è la maglia a cui tengo di più”

andrea discanni eriksen

Qual è il giocatore con il taglio di capelli più influente nel mondo Inter?

“Il giocatore più influente è Alessandro Bastoni. Ha un taglio molto particolare. Anche la capigliatura di Dimarco è molto richiesto. Non perché abbia chissà quali bei capelli, ma perchè il suo è un taglio iconico. La decolorazione che gli applico suscita grande curiosità ed è molto richiesta. Specialmente in estate. Dimarco stesso mi ha rivelato di non riuscire più a vedersi allo specchio senza il capello di quel colore”.

Chi tiene di più alla propria capigliatura?

“Tutti i giocatori tengono alla propria capigliatura. Se li tagliano ogni 10 giorni in media. Dimarco e Bastoni danno parecchia importanza ai loro capelli. Frattesi taglia in base alla scaramanzia. Se le cose vanno bene mantiene lo stesso taglio, altrimenti cambia. Tutti i calciatori sono scaramantici. Prima dei grandi match emergono tutti i riti di ognuno. Alcuni mi richiedono una determinata postazione, ad una tale ora, con certe persone attorno. Lo scorso anno con la finale di Champions League questo fenomeno è esploso”.

Ci sono state richieste particolari in vista dello scudetto?

“Più di un giocatore mi ha già fatto delle richieste in vista dello scudetto. Se succede, mi hanno chiesto di colorare le loro teste con i colori del club: il nero e l’azzurro. La tinta però durerà poco, fino agli europei”.

In negozio ci sono esposte tante maglie: qual è quella a cui sei più legato?

“La maglia a cui sono più affezionato è quella di Christian Eriksen. Me la diede lui dopo tutto quello che gli successe. Mi emoziono ancora a pensarci. Tornò a Milano dopo l’Europeo e venne a tagliarsi i capelli. Non lo sapeva nessuno che fosse qua. Faceva avanti e indietro tra Italia e Danimarca per dei controlli. Mi chiedeva di non dire ai suoi compagni che fosse a Milano. Questa cosa ci ha legato e sono ancora in contatto con lui. Quando mi comunicò che sarebbe stato l’ultimo taglio che gli avrei fatto perchè sarebbe andato via, gli chiesi una maglia e lui me la portò”.

Un aneddotto particolare?

Dimarco è molto legato ad Aleksander Stankovic. Una volta, mentre quest’ultimo si stava facendo lo shampoo, Dimarco prese il doccino e lo bagnò tutto. La stessa cosa successe a parti inverse a Dimarco lo scorso anno con Skriniar. Quella volta fu Dima ad essere completamente inzuppato dal suo compagno”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Luca Arcangeli

Luca Arcangeli