Vai al contenuto

Bastoni, in UK stravedono per lui. E l’Inter fissa il prezzo

Bastoni, pilastro dell’Inter del presente. E nel futuro? Era arrivato dall’Atalanta per 31 milioni Alessandro Bastoni, una cifra che all’epoca sembrava tutt’altro che ragionevole per un giovane difensore centrale che l’Inter aveva anche spedito in prestito a Parma. Quando è ritornato a Milano, prima ha ricevuto la fiducia di Conte, con cui ha vinto da protagonista il diciannovesimo scudetto, e oggi è diventato un insostituibile dello scacchiere di Inzaghi: con personalità, qualità e quel vizio del gol è diventato una pedina difficilmente rimpiazzabile per i nerazzurri.

Quei 31 milioni si sono come minimo raddoppiati, e l’Inter, seppur consideri incedibile il giocatore, ha fissato il prezzo per chiunque ne sia interessato.

Bastoni piace molto in UK, l’Inter fissa il prezzo

bastoni roma inter

Alessandro Bastoni è una risorsa per l’Inter e per la nazionale italiana: fa parte di quel “blocco Inter” su cui Spalletti vuole lavorare per ritornare a vincere con la maglia dell’Italia. La sua pulizia nelle giocate, i lanci lunghi con cui spesso riesce a mandare in porta i compagni (impossibile non ricordare l’assist per Barella in quel Inter-Juve 2-0) e il vizio del gol sono qualità che lo hanno messo nel mirino di diversi club, soprattutto inglesi.

Il 95 nerazzurro ama l’Inter, con cui lo scorso luglio ha firmato un rinnovo di contratto fino al 2028, ma potrebbe essere, in base a quanto scrive La Gazzetta dello Sport, la cessione principe dell’estate nerazzurra. Zhang e Marotta, insieme a tutto il mondo Inter, vorrebbero continuare con Bastoni, e quindi resistere di fronte alla avances di altri club, come si fece a suo tempo con Skriniar. Nel frattempo, però, la società fissa il prezzo, nel caso dovessero pervenire in Via della Liberazione offerte folli: Alessandro Bastoni costa 70 milioni.

In passato era già successo che il difensore venisse corteggiato da diversi club di Premier, ma la voglia di continuare a vestire nerazzurro era decisamente più forte. L’Inter spera sia ancora così.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Alessia Lazzaroni

Alessia Lazzaroni