Vai al contenuto

Non solo Bento: come vice Sommer occhio ad Okoye

Maduka Okoye
CONDIVIDI:
Banner Libro

Non solo Bento, occhio ad Okoye. Quella appena trascorsa è stata una stagione spettacolare, colmata da tantissime esperienze e coronata dalla vittoria del 20° Scudetto. Una seconda stella che difficilmente sarà dimenticata, specie per il modo in cui è arrivata. Un trionfo assolutamente meritato, trascorrendo l’intero campionato a dominare quasi ogni singola partita, soffrendo nei momenti giusti ma rimanendo lucidi e letali quando ce n’era più bisogno. Oltre a ciò, i nerazzurri di Simone Inzaghi sono sempre riusciti a mantenere la testa in partita, sviluppando una solidità difensiva che gli ha permesso non solo di vincere il campionato, ma anche di ottenere ben 19 clean sheet in 38 partite.

Oltre al trittico difensivo composto da Alessandro Bastoni-Francesco Acerbi-Benjamin Pavard, la grande muraglia nerazzurra è stata innalzata soprattutto dal guardiano dei pali dell’Inter, meglio conosciuto come Yann Sommer. Il portiere svizzero non ha di certo fatto mancare un portiere decisamente in forma come André Onana, ereditando il suo posto e interpretandolo nel migliore dei modi possibili. Sicuramente gran parte dei meriti va dato alla sua enorme esperienza del portiere elvetico, che fra gli inizi in Svizzera e la consacrazione in Germania non è considerabile un giovane novellino al debutto assoluto.

Ora, con una nuova stagione da preparare e l’inevitabile età che avanza, Sommer ha bisogno di un degno sostituto che possa affiancarlo durante il prossimo anno e forse, chissà, prendere il suo posto.

Ottimo anno e discreti interventi: interesse per Okoye

Sebbene sia appena conclusa, questa stagione ha già dato più di qualche verdetto. Uno su tutti è la partenza di Emil Audero, che purtroppo non è riuscito a convincere la dirigenza nerazzurra a riscattarlo. Alcuni nomi sono già stati sondati, in modo da poter agire in anticipo ed evitare spese folli. D’altronde è questa la filosofia che vuole adottare il nuovo presidente dell’Inter Giuseppe Marotta, che naturalmente non potrà mai perdere la sua malizia da direttore generale. I nomi in questione sono quelli di Josep Martinez del Genoa e il brasiliano Bento dell’Athletico Paranaense: entrambi sono soluzioni già ampiamente discusse, le quali tutt’ora risultano avere la totale priorità per il ruolo di vice-Sommer.

Ciononostante l’Inter non vuole trovarsi senza alternative da un momento all’altro, dunque l’unica soluzione è quella di trovare qualche piano B. È proprio qui che spunta il nome di Maduka Okoye, portiere nigeriano classe 1999 che è riuscito a strappare la titolarità all’italiano Marco Silvestri e a conquistarsi la fiducia dell’Udinese. Dopo la salvezza dei bianconeri, per il giovane estremo difensore africano potrebbe arrivare un’altra soddisfazione in carriera.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Riccardo Fattorini

Riccardo Fattorini

Sono un giornalista sportivo alla ricerca di nuovi stimoli ed esperienze formative. Amo il calcio e amo poterlo raccontare in diversi modi, anche sotto il mio punto di vista.View Author posts