Vai al contenuto

Biasin si espone sul futuro di Arnautovic e spiega la politica della dirigenza

Fabrizio Biasin
CONDIVIDI:
Banner Libro

Biasin parla di Marko Arnautovic. L’Inter riflette su come rinforzare il reparto offensivo per la prossima stagione. Dopo aver raggiunto l’accordo per i rinnovi dei contratti di Lautaro Martinez e Nicolò Barella, la dirigenza interista valuta come intervenire nella nuova sessione estiva di mercato. Uno dei primi reparti da ritoccare è certamente l’attacco che, con grande probabilità, verrà rivoluzionato in maniera parziale. Se Lautaro e Thuram, eroi indiscussi dell’ultima stagione, non verranno messi in discussione, Sanchez e Arnautovic, i due attaccanti di scorta, potrebbero provare delle esperienze lontane da Milano. Il cileno sembra destinato a partire, anche se le sue volontà dicono altro, mentre l’attaccante austriaco ha più possibilità di rimanere a Milano, anche se davanti ad una grande offerta potrebbe salutare per la seconda volta i tifosi della Beneamata. Del futuro dell’ex centravanti del Bologna è tornato a parlare Fabrizio Biasin, uno dei più importanti giornalisti italiani di fede nerazzurra.

Biasin, il futuro di Arnautovic e le mosse della dirigenza

Intervenuto in una diretta Twitch di FcInter1908, Fabrizio Biasin ha spiegato che i vertici societari non sono affatto contenti delle numerose voci che girano sul possibile addio di Arnautovic. A causa del contratto biennale, i dirigenti nerazzurri non hanno alcuna intenzione, sempre secondo lo stesso giornalista, di vendere il centravanti austriaco. Le possibilità di incassare delle risorse dalla cessione dell’ex del Bologna è del tutto utopica e irrealistica e, anche con l’arrivo di Oaktree, la politica societaria resterà la stessa di sempre: crescere in modo sostenibile.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Simone Ambroso

Simone Ambroso