Vai al contenuto

Biasin: “Futuro di Zhang? In società già tutti sanno”

Il debito di Zhang nei confronti di Oaktree scadrà il prossimo 20 maggio. Il futuro societario è incerto. Biasin ha provato a fare una sua ipotesi a riguardo.

Il countdown sta ormai arrivando alla fine. Entro il 20 maggio sapremo con certezza quale sarà il destino dell’Inter. Entro tale data Steven Zhang sarà obbligato ad estinguere il debito nei confronti di Oaktree da 385 milioni di euro, in caso contrario il club nerazzurro passerà nelle mani della società d’investimenti.

C’è però un’altra strada, che al momento pare più probabile, cioè quella che porterebbe ad un rifinanziamento del debito, in modo da prorogare la data in cui questo dovrà essere saldato. In questo modo Zhang potrebbe continuare la sua avventura alla guida dell’Inter e soprattutto programmare il futuro con maggiore calma. Fabrizio Biasin, ospite del canale YouTube IotifoInter.it, ha provato a dare un proprio pronostico di quello che sarà il destino del club.

La festa del 20 maggio è indicativa

biasin

Fabrizio Biasin ha evidenziato come il destino del club sia più che mai nebuloso:

“Il futuro dell’Inter? In questo momento è difficilissimo parlarne. Non è possibile avere certezze a riguardo. Io però ho una mia sensazione, che ho maturato a seguito delle dichiarazioni che ho ascoltato in questi giorni e mesi. Io sono dell’idea che la strada tracciata sia quella del rifinanziamento. C’è un dettaglio che me lo fa immaginare: la festa scudetto del prossimo 20 maggio. Il fatto che la seconda stella sarà celebrata proprio il giorno in cui scadrà il debito mi fa pensare che in società già tutti sappiano quale sarà il futuro dell’Inter. Non ho idea delle modalità con le quali avverrà il rifinanziamento. È possibile che possa avere la funzione di ponte. Rifinanziare permetterebbe alla famiglia Zhang di avere maggior tempo di meditare sulle nuove mosse da compiere. Avrebbero inoltre la possibilità di rimandare la cessione del club ad un momento migliore, nel quale la società varrà di più rispetto ad ora”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Luca Arcangeli

Luca Arcangeli