Vai al contenuto

Buongiorno, c’è la prima proposta: prestito con obbligo più il cartellino di Satriano o Esposito

Inter in pressing su Buongiorno che interessa anche al Milan dopo le ottime prestazioni in campionato e in nazionale con Spalletti.

Il nome caldo delle ultime ore per la difesa nerazzurra è quello del granata Alessandro Buongiorno, centrale classe ’99 cresciuto nelle giovanili del Torino. Il calciatore, che ha militato anche in Serie B tra Carpi e Trapani in prestito, si sta rendendo protagonista di un’ottima stagione in cui ha collezionato 22 presenze e anche 3 gol, con una media voto tra le più alte nel suo ruolo di 6,36.

Sul ragazzo ci sono da tempo anche i cugini rossoneri, e il prezzo del suo cartellino dopo le ultime prestazioni anche con la maglia della nazionale azzurra è cresciuto nettamente. La sensazione, tra l’altro, è che la stessa cosa possa avvenire anche quest’estate dopo gli Europei a luglio, che porteranno il costo del difensore a lievitare nuovamente.

Inter su Buongiorno: la chiave potrebbero essere Satriano o Esposito in prestito

Il nuovo obiettivo nerazzurro Alessandro Buongiorno

La cifra richiesta dai dirigenti granata, come hanno già fatto sapere più volte, non può scendere sotto i 40 milioni di euro: un prezzo sicuramente alla portata dei top club di Premier League ma che invece mette in difficoltà, e non poco, gli interessati in Serie A. Il ragazzo, da parte sua, gradirebbe le destinazioni italiane, e ha già espresso in precedenza la volontà di giocare sui palcoscenici più importanti come quello della Champions League.

Nonostante il costo non indifferente la dirigenza nerazzurra vede in Buongiorno il possibile erede di Acerbi,  e vorrebbe provare in tutti i modi a chiudere l’operazione. L’idea è quella di un prestito oneroso con obbligo di riscatto, magari inserendo nell’accordo anche qualche contropartita: i nomi potrebbero essere quelli di Martin Satriano e Francesco Esposito. Il Torino, in ogni caso, aspetterà la fine di Euro 2024 per dare via all’asta tutta milanese per Buongiorno, sperando sempre nell’inserimento di qualche ricco club inglese.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Fabrizio Pettenati

Fabrizio Pettenati