Vai al contenuto

Buongiorno per il dopo Acerbi: si fanno passi avanti

Il centrale del Torino piace molto all’Inter e il ragazzo ha espresso gradimento per la destinazione nerazzurra: pronto il piano per portarlo a Milano.

Ventiquattro partite giocate tutte da titolare, a riposo soltanto in un’occasione (squalificato in una gara e indisponibile nelle altre sei), una media voto notevole di 6,35 e anche tre reti messe a segno: la stagione di Alessandro Buongiorno non passa certamente inosservata agli occhi delle big di Serie A e non solo.

Tra le pretendenti interessate al numero 4 granata c’è da tempo l’Inter, che nei mesi passati aveva già mosso qualche passo in direzione Torino per tastare il terreno e sondare il possibile interesse del ragazzo. Risposta positiva da parte di Buongiorno, che in più occasioni ha manifestato ai compagni di squadra nel club e in nazionale la volontà di vestire i colori nerazzurri. Ecco come sarà possibile portarlo alla corte di Inzaghi.

Operazione Buongiorno: Cairo vuole 40 milioni ma la chiave è la volontà del giocatore

Buongiorno che parla in conferenza stampa

L’Inter sta pensando (e deve farlo) al dopo Acerbi, non soltanto per una questione anagrafica di ringiovanimento della rosa (l’ex Lazio ha 36 anni) ma anche per i dubbi sulla tenuta fisica e psicologica del calciatore dopo i guai fisici e non solo a cui è andato incontro nel corso della stagione. Quello di Buongiorno sarebbe il profilo ideale: difensore centrale giovane classe 1999, italiano nato a Torino, già nel giro della nazionale maggiore di Spalletti e soprattutto tra i top di reparto in questa stagione di Serie A per qualità e continuità.

Gli ostacoli principali per portare il ragazzo nella Milano nerazzurra potrebbero essere due: il primo è la concorrenza, su tutte quella di Napoli e Milan, ma attenzione ai ricchi club di Premier League sempre in agguato. L’altra grande questione da affrontare sarà il prezzo, visto che il presidente Urbano Cairo è intenzionato a chiedere una cifra vicina ai 40 milioni di euro per il suo gioiellino. Il piano dell’Inter è di fare leva sulla volontà del giocatore, che ha già approvato la destinazione nerazzurra, e magari di sfruttare qualche contropartita tecnica che possa interessare ai granata da inserire nella trattativa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Fabrizio Pettenati

Fabrizio Pettenati