Vai al contenuto

Chi è Akinsanmiro, la mezzala della primavera che piace tanto a Inzaghi

Chi è Akinsanmiro. I nerazzurri di Simone Inzaghi scenderanno in campo questa sera a San Siro contro il Genoa di Gilardino per provare ad allungare ancora di più sulla Juventus che, nella serata del 3 marzo, ha perso per 2-1 al Maradona contro il Napoli. Prima del match che chiuderà la 27esima giornata del campionato di Serie A, l’Inter ha accumulato tutte vittorie dall’inizio del 2024 confermandosi sempre più capolista.

Prima del recupero della 21esima giornata vinta per 4-0 in casa contro l’Atalanta di Gasperini, i nerazzurri erano volati a Via del Mare dove hanno calato il poker. Una partita giocata con il turnover a causa degli impegni ravvicinati di campionato e di Champions League, ma nessun problema per la squadra di Simone Inzaghi che ha saputo tenere banco e dimostrare la propria forza.

Chi è Akinsanmiro

A 15 minuti dal finale di Lecce con l’Inter già sul 4-0, l’allenatore nerazzurro ha effettuato due cambi: sono entrati il canadese Buchanan per Dimarco e Akinsanmiro per Frattesi. Quest’ultimo, Ebenezer Akinsamiro è un giocatore della primavera di Chivu, che Inzaghi ha deciso di portare in panchina a causa della non disponibilità di Stefano Sensi e Hakan Calhanoglu, e così il nigeriano classe 2004 ha trovato il suo esordio.

Piero Ausilio l’aveva adocchiato superando la concorrenza di grandi club che avevano già puntato i fari sul ragazzo dopo una sola competizione a livello internazionale con la maglia dell’Alex Transfiguration Academy, prima squadra africana ad arrivare in finale nella celebre manifestazione giovanile, dove ha collezionato 2 gol in 6 presenze.

Arrivato all’Inter nel gennaio 2023, ha totalizzato 16 presenze e 3 assist con la Primavera di Christian Chivu. Nel mese di maggio era già è stato convocato per la prima volta in Prima squadra da Inzaghi in occasione della sfida contro di Napoli, sedendo in panchina anche nelle ultime due giornate di campionato e poi in finale di Coppa Italia contro la Fiorentina, vinta dai nerazzurri.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Marta Bonfiglio

Marta Bonfiglio