Vai al contenuto

I tifosi chiedono: “Scudetto nel derby?”. Ecco la risposta di Calhanoglu

I tifosi chiedono a Calhanoglu di vincere lo scudetto il giorno del derby. Dopo che il febbraio nerazzurro si è concluso nel miglior modo possibile, rafforzando nell’ambiente i sogni scudetto oltre che il primato della classifica, il mese di marzo verrà inaugurato a San Siro contro il Genoa, che nel girone d’andata aveva frenato le corse dei nerazzurri che, dopo il vantaggio di Arnautovic, non avevano saputo spingersi oltre il pareggio. L’obiettivo è quello di ottenere 3 punti sempre più pesanti da qui a fine stagione e per farlo oggi pomeriggio ad Appiano si è svolta una delle ultime sedute di allenamento prima della sfida.

Al termine, alcuni giocatori si sono fermati a firmare autografi e scattare fotografie con i tifosi che li avevano aspettati fuori dal training centre e, sotto le telecamere di Sky Sport, è diventata subito virale la risposta di Calhanoglu ad un tifoso che chiede di vincere lo scudetto il giorno del derby.

Calhanoglu chiede “calma” ai tifosi nerazzurri

Calhanoglu auto Appiano Gentile

L’Inter può vincere lo scudetto il 21 aprile, giorno del derby: lo ipotizza la matematica, lo sperano i tifosi. Serpeggia ormai da qualche settimana quest’eventualità che già ora sta mandando in estasi i tifosi della beneamata, come se già non ci fossero i presupposti per trattenere a stento la gioia.

Proprio perché questa data è già segnata in rosso sul calendario degli interisti, un giovane tifoso oggi ha accennato ad Hakan Calhanoglu, che lunedì sera sarà ancora indisponibile per Inzaghi, questa possibilità. Il turco, ripreso dalle telecamere di Sky Sport, non si è sbilanciato (pur trattenendo un timido sorriso beffardo) ma anzi ha risposto solamente una parola. “Calma“.

Con pochissime parole, a volte non è necessario dilungarsi troppo, l centrocampista chiede alla piazza di frenare facili entusiasmi e concentrarsi sul presente. Lunedì a San Siro l’Inter ospiterà il Genoa con cui dovrà lottare 90 minuti per ottenere la vittoria, cosa che a dicembre non le era riuscito.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Alessia Lazzaroni

Alessia Lazzaroni