Vai al contenuto

Chi è Mario Hermoso, nuovo obiettivo a zero per la difesa dell’Inter

Chi è Mario Hermoso. Il centrale spagnolo dell’Atletico Madrid, che ha contribuito all’eliminazione dell’Inter dalla Champions League, potrebbe essere il sostituto ideale per il dopo Acerbi. Il numero 22 dei Colchoneros sarebbe il terzo colpo di fila a parametro zero, in pieno stile Beppe Marotta, dopo Taremi e Zielinski.

La situazione legata ad Acerbi, a cui è subordinato l’arrivo di Hermoso, non è semplice: il centrale di Inzaghi è sempre stato decisivo nella difesa nerazzurra ma le domande sulla sua tenuta non mancano, sia dal punto di vista fisico dopo l’ultimo infortunio al polpaccio, sia da quello mentale con il caso Juan Jesus che lo ha coinvolto nelle ultime settimane. Non è da trascurare, inoltre, che Acerbi ha ben 36 anni mentre lo spagnolo ne ha 28.

Chi è Mario Hermoso: l’identikit del successore di Acerbi per Inzaghi

Il nuovo obiettivo dell'Inter Mario Hermoso

Mario Hermoso Canseco, madrileno dell’Atletico Madrid classe ’95, è un difensore mancino che ha sempre operato principalmente sul centro sinistra o sulla sinistra del reparto, giocando talvolta da terzino puro. Canterano del Real Madrid, è stato acquistato dai rivali biancorossi per quasi 30 milioni di euro nel 2019, dopo un prestito stagionale al Real Valladolid nel 2017 e due anni all’Espanyol. In nazionale Hermoso vanta cinque presenze, delle quali però l’ultima è proprio risalente al 2019.

Hermoso è uno specialista dei colpi di testa, esperto nell’uno contro uno e nei tackle, forte fisicamente ma rapido e reattivo nei movimenti, può anche impostare il gioco dal basso o uscire palla al piede grazie alla sua tecnica. All’Atletico spesso è lui a lanciare lungo o addirittura a calciare le punizioni. Con Simeone è uno degli inamovibili: già 2000 minuti nella Liga e presente in otto occasioni su otto nelle sfide di Champions League, sempre dal primo minuto. Nella stagione di esordio a Madrid ha fatto registrare 23 presenze, da lì in poi per le successive tre stagioni mai sotto le 34.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Fabrizio Pettenati

Fabrizio Pettenati