Vai al contenuto

Come l’Inter ha costruito la squadra campione d’Italia dalle cessioni

Inter campione grazie alle sue stelle: talenti affermati, giovani promesse, sorprese e giocatori di esperienza. Il costo totale della rosa, però, è la metà della cifra incassata da cinque cessioni.

Su Lautaro Martinez o Nicolò Barella, giusto per fare due nomi, nessuno avrebbe avuto dubbi. Entrambi sono custoditi dall’Inter come veri e propri tesori e non ha caso la società è decisa ad impegnarsi per rinnovare al più presto il contratto dell’argentino e metterlo al sicuro a Milano. Altre stelle, però, sono state un po’ delle scommesse: si pensi a Calhanoglu o Thuram, entrambi arrivati a parametro zero come ricordato a Zhang dai due giocatori stessi.

Tra talenti internazionali quasi passati in sordina come Pavard e Sommer, calciatori di esperienza come Darmian e Mkhitaryan e pupilli di Inzaghi come Acerbi e Frattesi, il costo della rosa campione d’Italia è stato sorprendente basso. L’ammontare totale, addirittura, risulta essere meno della metà della cifra che l’Inter ha incassato da cinque cessioni illustri avvenute negli ultimi anni: parliamo di 133 milioni di euro contro circa 300.

Inter, la rosa dello Scudetto vale la metà di queste cessioni: ecco chi ha finanziato la seconda stella

I cinque acquisti nerazzurri da 300 milioni

Il primo è stato Mauro Icardi, attaccante argentino che all’Inter ha realizzato 124 reti totali dal 2013 al 2019. Due volte capocannoniere di Serie A ex-aequo, Maurito ha anche indossato la fascia di capitano per i nerazzurri ma una serie di frizioni prima con la dirigenza poi con la curva stessa lo avevano spinto a lasciare Milano. Il 2 settembre 2019 il centravanti sbarca al lussuoso PSG in prestito con diritto di riscatto, cifra stimata di 50 milioni di euro.

Un altro nerazzurro ceduto ai francesi è stato Achraf Hakimi. Il marocchino, arrivato dal Borussia Dortmund per circa 45 milioni di euro, ha lasciato Milano dopo una sola stagione in nerazzurro arricchita anche dalla vittoria dello Scudetto. Per lui con i nerazzurri 37 presenze, 7 gol e 8 assist: 60 più 11 di bonus i milioni incassati dalla società per la sua cessione.

Di gol in nerazzurro lui ne ha segnati 78, spalmati in 132 uscite con la maglia numero 9: stiamo parlando di Romelu Lukaku. Acquistato dallo United per circa 75 milioni complessivi, il giocatore più costoso nella storia del club, Big Rom infrange molti record e aiuta l’Inter a vincere uno scudetto, guadagnandosi l’attenzione dei club più prestigiosi. Torna al Chelsea il 12 agosto 2021, costo: 115 milioni di euro.

In lista anche Marcelo Brozovic, uno che dell’Inter aveva davvero fatto casa sua. In nerazzurro dal 2015 al 2023, il croato era arrivato ventiduenne dalla Dinamo Zagabria in prestito per tre milioni di euro più cinque per il riscatto obbligatorio. Ha lasciato Milano solo l’estate scorsa, diretto alla corte di Cristiano Ronaldo, dopo 330 presenze in nerazzurro.18 i milioni di euro versati nelle casse dell’Inter dall’Al-Nassr.

A chiudere questo elenco è l’ultimo difensore della porta nerazzurra prima di Sommer, André Onana, ora in forza al Manchester United. Il portiere camerunese era stato messo sotto contratto da svincolato dopo sei anni all’Ajax, convincendo tutti e contribuendo a portare l’Inter fino alla finale di Champions League. Il 20 luglio 2023 viene acquistato dagli inglesi per circa 58 milioni di euro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Fabrizio Pettenati

Fabrizio Pettenati