Vai al contenuto

Corsa Scudetto, un dato può preoccupare l’Inter

L’Inter ha chiuso il girone d’andata al primo posto, conquistando ben 48 punti su 57 disponibili. Ma nonostante questo percorso così importante, la prima inseguitrice, ovvero la Juventus, è dietro di appena due punti. Ma c’è un dato che riguarda Simone Inzaghi, attuale allenatore dell’Inter, e che potrebbe preoccupare i tifosi nerazzurri. Infatti, le squadre di Inzaghi hanno sempre fatto peggio nel girone di ritorno rispetto a quello di andata, tranne in un caso quando allenava la Lazio.

Inzaghi sempre peggio nel girone di ritorno

Secondo quanto raccolto da FcInternews, c’è una particolare statistica che riguarda Simone Inzaghi: da quando allena in Serie A, tranne nella stagione 2020-21, l’ultima alla Lazio, nella quale ha conquistato gli stessi punti tra il girone d’andata e quello di ritorno, il tecnico piacentino ha sempre fatto peggio nella seconda metà di stagione. Chiaramente è difficile riuscire a mantenere un ritmo così elevato per l’Inter, ma anche per la Juventus che però non ha impegni europei,

In particolare, in tre stagioni, di cui due alla Lazio (2017-18, 2019-20) e una all’Inter (2021-2022), le sue squadre hanno ottenuto ben otto punti in meno rispetto al girone d’andata. Anche l’anno scorso, nella prima metà di stagione i nerazzurri avevano totalizzato 37 punti, mentre nel girone di ritorno ne ha conquistati 35, chiudendo comunque al terzo posto in campionato.

Basandoci solamente sulla scorsa stagione, praticamente tutte le big hanno conquistato meno punti nella seconda metà di stagione, e questo avviene per vari motivi, come gli impegni infrasettimanali, la stanchezza ma anche i punti che semplicemente iniziano a pesare di più.

Però la situazione di quest’anno per l’Inter è diversa rispetto alle altre stagioni: in primis, non ha la Coppa Italia, mentre nelle altre due annate di Inzaghi la sua squadra è arrivata fino in fondo vincendo il titolo. Inoltre, quest’anno l’Inter sembra avere una rosa più profonda rispetto alle altre stagioni, ma c’è il problema dell’attacco, che oltre a Lautaro e Thuram, non conta su alternative dello stesso livello, con Arnautovic e Sanchez che stanno deludendo.


© Consentita la sola riproduzione parziale citando e linkando la fonte.
Emanuele Di Vitto

Emanuele Di Vitto