Vai al contenuto

Cosa dobbiamo aspettarci da Buchanan

Con tutta probabilità Tajon Buchanan diventerà un giocatore dell’Inter. Nel calciomercato nulla è scontato fino al momento della firma ma la trattativa per portare a Milano l’esterno canadese sembra in chiusura. Il 24enne del Club Bruges è nel mirino di Ausilio da almeno un anno e tra pochi giorni potrebbe essere ufficializzata l’operazione da circa 10 milioni che regalerebbe a Inzaghi il sostituto dell’infortunato Juan Cuadrado.

Buchanan ha esordito a 18 anni nella Major League Soccer dove con la maglia dei New England Revolution ha impressionato per le doti atletiche unite ad una tecnica di base che ruba l’occhio, caratteristiche che ne facevano un’ala in grado di incidere nell’ultimo quarto di campo. Nonostante la predilezione per l’assist, nella sua ultima stagione statunitense ha sfiorato la doppia cifra mettendo a segno 9 reti.

Nonostante la giovane età, in Mls Buchanan risultava determinante dell’ultimo quarto di campo

Notato da diversi scout europei, Buchanan ha firmato nell’estate del 2021 per il Bruges. In Belgio il canadese si è dovuto adattare ad un calcio più organizzato tatticamente e man mano ha arretrato il proprio raggio di azione, diventando nominalmente un esterno destro di centrocampo (ma ha giocato anche a sinistra). Tra club e nazionale, inoltre, ha imparato a disimpegnarsi anche come terzino di spinta e da esterno a tutta fascia in sistemi che prevedono la difesa a 3.

Pregi e difetti

Per alcuni aspetti Buchanan ricorda Juan Cuadrado, ovvero il possibile nuovo compagno di squadra infortunato che andrà a sostituire. Dribbling, agilità e buona progressione sono doti evidenti che il 24enne mostra in ogni singola partita. Le similitudini con il colombiano (o meglio, con la versione prime del colombiano) però si fermano qui perché il canadese, come normale che sia per un 24enne che non ha esperienza in uno dei top 5 campionati europei, è un calciatore che deve ancora completarsi.

Ciò che balza subito agli occhi vedendolo muoversi in campo, ad esempio, è la scarsa tecnica difensiva: Buchanan fatica a rappresentare un ostacolo importante per l’avversario che lo punta e in fase di ripartenza avversaria spesso non copre in maniera adeguata la zona di competenza. In buona sostanza negli Usa e in Belgio il suo talento palla al piede e il suo atletismo sono bastati per finire spesso tra i migliori in campo. Da notare, però, che al Bruges ha perso di efficacia nelle zone calde del campo, facendo registrare appena 4 gol e 5 assist in due campionati e mezzo. Sei le presenze in Champions League, tutte nella scorsa annata, dove il suo nome non è mai entrato nel tabellino.

Essendo un giocatore prossimo ai 25 anni (li compirà l’8 febbraio), il ragazzo dell’Ontario difficilmente potrà affinare troppo il proprio istinto sotto porta, una qualità richiesta agli esterni di Inzaghi. D’altra parte, però, il tecnico piacentino è ormai celebre per la capacità di migliorare le cifre dei propri quinti e non è da escludere che pure Buchanan possa trarre giovamento dalla “cura” Inzaghi.

Al Bruges il canadese ha arretrato il proprio raggio d’azione ricoprendo soprattutto il ruolo di esterno di centrocampo o di terzino

Se dovesse arrivare a gennaio, Buchanan avrà tempo sino a maggio per mandare a memoria gli oliati meccanismi dell’Inter e i mesi di praticantato di sicuro torneranno utili per la stagione 2024/2025. Il 24enne, comunque, potrà rendersi utile sin da subito se impiegato come arma tattica: l’Inter ha pochi elementi in grado di saltare l’uomo con continuità e un dribblatore come Buchanan potrebbe rivelarsi un jolly importante contro le difese avversarie stanche o in caso di partita da sbloccare. Numeri alla mano, tra le migliori qualità del probabile nuovo acquisto nerazzurro c’è sicuramente l’accuratezza nei passaggi: in carriera viaggia con circa l’80% di tocchi riusciti ed è un giocatore associativo che in teoria si potrebbe inserire a meraviglia nelle lunghe fasi di possesso palla a cui l’Inter ci ha abituati. Ma il pezzo forte rimane la giocata palla al piede: Buchanan si esalta nell’uno contro uno, è dotato di una grande fantasia che sfrutta per superare il diretto marcatore. 

 

La heatmap di Buchanan nella stagione in corso
La heatmap di Buchanan nella stagione in corso

 

Pochi rischi

Buchanan dovrebbe costare all’Inter una decina di milioni: si tratta di un investimento mirato perché consentirebbe di portare a Milano un calciatore con margini di miglioramento magari non sconfinati (ha quasi 25 anni), ma comunque ampi. Al netto dell’inserimento tattico nella rosa di Inzaghi, la cifra contenuta che verrà spesa per il promesso sposo nerazzurro potrebbe consentire una plusvalenza importante nei prossimi anni: il rischio è tutto sommato limitato perché è difficile ipotizzare che tra un paio di stagioni Buchanan varrà meno di oggi. Soltanto un flop totale in maglia nerazzurra o un infortunio grave potrebbero rendere l’acquisto del canadese un boomerang per Viale della Liberazione. Lo scenario migliore prevede il graduale inserimento del ragazzo nel nuovo campionato e nello scacchiere di Inzaghi con l’obiettivo magari di farne un titolare per l’Inter della prossima stagione, vista anche la possibile partenza di Dumfries. Come sempre sarà il campo a parlare: starà a Buchanan conquistarsi minuti e la fiducia dello staff nerazzurro.

 


© Consentita la sola riproduzione parziale citando e linkando la fonte.
Vincenzo Corrado

Vincenzo Corrado

Giornalista professionista, scrittore e altre cose che andavano di moda prima dell'intelligenza artificiale. Caporedattore de Il NerazzurroView Author posts