Vai al contenuto

Dalmat a IN: “Una vittoria dell’Inter può fare male alla Juventus. Il mio pronostico è…”

Manca sempre meno al via del derby d’Italia tra Inter e Juventus. Quest’anno la sfida è ancora più sentita grazie allo spettacolare duello scudetto. La redazione de Il Nerazzurro ha intervistato in esclusiva Stephane Dalmat, ex centrocampista interista. Ecco le sue impressioni su Inter-Juventus.

Il derby d’Italia è una partita in cui in palio ci sarà molto di più dei tre punti. Si tratta di un match che potrà esser decisivo soprattutto a livello mentale sulla corsa scudetto. Chi vince ha già le mani sul tricolore o è ancora troppo presto?

A mio parere sarà una partita importantissima ma il campionato è ancora lungo. L’Inter ha una partita in meno, ma una sua vittoria può fare molto male alla Juventus a livello psicologico. Non credo sia decisiva ma potrebbe dare maggior serenità agli uomini di Inzaghi per il prosieguo della stagione.

L’Inter ritrova Barella, Calhanoglu e Dimarco dal primo minuto, dopo la trasferta di Firenze. Chi dei tre è il giocatore che può davvero fare la differenza in questa partita, e perché?

Sono tre giocatori molto importanti per la squadra, non credo che uno sia più decisivo degli altri. La forza dell’Inter in questa stagione è il gruppo. Sono tutti uniti e mettono sempre davanti il lavoro di squadra alle individualità, a differenza di quanto accadeva in passato. Sono tutti giocatori straordinari.

Stephane Dalmat inter

La Juventus è in emergenza in attacco, tra squalifiche e infortuni. Davanti avrà anche la miglior difesa del campionato, ma un Vlahovic in forma che segna con continuità. A cosa dovrà stare attenta la difesa nerazzurra?

Abbiamo una difesa impressionante che prende pochi goal. Se sono tutti in forma non vedo chi possa dar problemi a Sommer e segnare.

Infine, qual è il tuo pronostico per il match di San Siro?

Fare un pronostico è molto difficile, ma spero in una vittoria dell’Inter. Dico 2 a 0 per i nerazzurri.


© Consentita la sola riproduzione parziale citando e linkando la fonte.
Mirko Patera

Mirko Patera