Vai al contenuto

Darmian e Ausilio ritirano un premio: ecco le loro dichiarazioni

Darmian Ausilio premio Amico dei Bambini.
CONDIVIDI:
Banner Libro

Darmian e Ausilio ritirano un premio. Numerosi i personaggi del mondo del calcio che hanno preso parte al premio “Amico dei Bambini” organizzato dalla storica società dilettantistica milanese US Aldini Bariviera, in occasione della presentazione dell’omonimo torneo a 38 squadre riservato alla categoria Esordienti. Presenti anche le istituzioni attraverso il Sindaco di Milano Giuseppe Sala, oltre a personalità televisive come il giornalista sportivo Massimo Callegari. Nella lunga lista di ospiti illustri, non sono mancati gli esponenti in rappresentanza dell’Inter: hanno partecipato alla manifestazione il calciatore Matteo Darmian e il direttore sportivo nerazzurro Piero Ausilio.

Premio “Amico dei Bambini”: le dichiarazioni di Darmian e Ausilio

Darmian Ausilio premio Amico dei Bambini.

Il difensore Matteo Darmian ha ricordato l’importanza, da parte dei calciatori, di dare l’esempio ai più giovani. In seguito è tornato a parlare dell’ultima vittoria contro la Juventus: «Credo che la sfida di domenica – ha affermato – sia stata un bello spot per tutto il calcio italiano».

Sul tema calciomercato, il ds Piero Ausilio ha confermato che la società è al lavoro per due colpi: gli arrivi a zero di Taremi e Zieliński. Durante il ritiro del premio come dirigente dell’anno – sul palco della “Black Arena” di Galleria Lampo in Milano – Ausilio ha espresso le proprie perplessità sul tema degli algoritmi nel mondo del calcio: la raccolta di dati e statistiche apre a nuove interessanti professionalità – sostiene il dirigente – ma il lavoro dal vivo di osservatori e match analysts rimane il miglior metodo di valutazione.

Nell’ambito della manifestazione Ausilio, che per molti anni ha svolto il ruolo di responsabile del settore giovanile per Inter e Pro Sesto, ha comunque evidenziato le difficoltà nell’individuare giovani di talento. Il ds ha affermato che gli allenatori devono rispondere alla necessità di avere pazienza, perché i giudizi sui giovani, oltre a richiedere tempo, espongono le società a potenziali rischi ed errori di valutazione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Alessio Castagnoli

Alessio Castagnoli

Aspirante giornalista, sempre alla ricerca di qualcosa da dire e cercando di farlo nel migliore dei modiView Author posts