Vai al contenuto

Dumfries non ha ancora deciso: torna di moda Holm per la fascia destra

L’Inter guarda al mercato per rinforzare la fascia destra. In caso di addio di Dumfries, interessa molto Holm dell’Atalanta.

Uno degli argomenti principali del prossimo mercato dell’Inter sarà quello dell’esterno destro. A fine stagione saluterà Cuadrado, che andrà in scadenza il prossimo 30 giugno. Sarà invece da valutare Buchanan, che dopo sei mesi di ambientamento sarà chiamato a dimostrare di poter essere un titolare dell’undici nerazzurro. La questione più spinosa, però, è quella che riguarda Denzel Dumfries. L’olandese, da un anno e mezzo, è indicato come uno dei pezzi sacrificabile ma fino ad ora è rimasto a Milano. In estate, però, le cose potrebbero cambiare.

Inter, è Holm il post Dumfries?

dumfries inter

Il numero 2, in questa stagione, ha visto diminuire drasticamente il suo impiego rispetto alle due annate precedenti. In molti hanno associato questa tendenza ad una partenza in estate. Le dichiarazioni post derby del giocatore, però, hanno rimesso tutto in discussione. Dumfries, infatti, ha parlato di un infortunio al bicipite femorale, che lo tormenta dallo scorso finale di stagione, come la causa del suo minor impiego da parte di Inzaghi. L’olandese è in scadenza al 30 giugno 2025, l’Inter gli ha proposto il rinnovo di contratto a 4 milioni di euro netti, ma ad oggi non ha ricevuto risposta. Per questo, secondo La Gazzetta dello Sport, se entro 15 giorni non ci saranno risposte da parte dell’esterno ex PSV, la dirigenza inizierà a sondare altre piste. Ad oggi il nome più caldo è quello di Holm.

L’esterno svedese, in prestito all’Atalanta dallo Spezia, non è stato ancora riscattato dai nerazzurri e potrebbe quindi fare ritorno in Liguria al termine della stagione. A quel punto l’Inter potrebbe quindi trattare direttamente con lo Spezia (bottega decisamente meno cara rispetto all’Atalanta). Altri osservati speciali per la fascia destra sono Kayode e Wan-Bissaka. Tutto dipenderà dalla risposta di Dumfries, l’Inter ha fissato la sua deadline e non intende andare oltre.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Fabrizio Febi

Fabrizio Febi