Vai al contenuto

VIDEO – Ecco perché Lautaro Martinez ha sbagliato il rigore decisivo

L’eliminazione dalla Champions ai rigori per mano dell’Atletico Madrid è una batosta dura da digerire nella stagione dell’Inter. L’uscita agli ottavi è un duro colpo per la banda nerazzurra che ha risentito particolarmente della situazione visto il come si è arrivati alla partita di Madrid con il rammarico che aumenta ancor di più per essere arrivati in vantaggio 1-0 con il gol Arnautovic all’andata e il vantaggio momentaneo firmato al ritorno da Federico Dimarco durante la partita del Metropolitano.

Dopo l’uscita ha fatto discutere la scelta dei rigoristi eletti da Inzaghi. Ben tre rigori su cinque, infatti, non hanno trovato il fondo della rete, fermandosi o nei guantoni di Jan Oblak o in tribuna come quello di Lautaro Martinez, autore di un errore grossolano dal dischetto degli undici metri, con cui, tra l’altro, il Toro non gode di un buon rapporto.

Lautaro e il rigore alle stelle: perché il Toro ha sbagliato?

Zolla Rigore Lautaro

Analizzando le immagini del rigore del Toro in particolare, si può notare come il tiro del capitano nerazzurro abbia fatto a finire alto sopra la traversa della porta madrilena. Dai video della rincorsa si nota come il piede d’appoggio del Toro faccia da contrappeso sull’erba del Metropolitano. Al momento dell’ingresso del piede d’appoggio, il terreno di gioco si solleva leggermente alzato la palla. Questo può aver creato problemi al Toro con l’impatto e il tiro per questo è finito alto.

Un errore fatale che è costato caro ai nerazzurri. I rimpianti dell’uscita crescono quando poi ai sorteggi si è scoperto che l’Atletico affronterà ai quarti di finale il Borussia Dortmund, squadra sicuramente più abbordabile delle superpotenze rimaste nella massima competizione europea.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Sport Mediaset (@sportmediaset)

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Andrea Tagliabue

Andrea Tagliabue

Sono Andrea, ho 24 anni e sono tifoso dell'Inter sin dalla nascita. La passione per il giornalismo sportivo è nata quando ero piccolo e da quando ho 15 anni sogno di lavorare nel settore sportivo. Sono un assiduo consumatore di tutto ciò che è calcio e non disdegno un'occhiata agli sport americani (basket, football, baseball, hockey su ghiaccio) e gli sport motoristici.View Author posts