Vai al contenuto

Fabrizio Romano: “Buchanan-Inter here we go!”. Ecco quando arriva a Milano

Le voci che negli ultimi giorni si erano fatte sempre più insistenti, sono state poco fa confermate da un intervento social di Fabrizio Romano: Tajon Buchanan sarà un giocatore dell’FC Internazionale Milano.
Come specifica il giornalista, le due società hanno concluso la trattativa che vede il passaggio del giocatore all’Inter per una cifra conclusiva di 7 milioni di euro più bonus, mentre al nuovo rinforzo di Inzaghi spetterà uno stipendio da 1,5 milioni.
L’esterno canadese classe 99 è atteso nella giornata di domani a Milano per svolgere le visite mediche.

Inzaghi potrà farlo esordire già con il Verona?

Con l’infortunio al tendine d’Achille di Cuadrado e l’intervento che il giocatore ha dovuto affrontare successivamente, che lo vedrà lontano dal campo per almeno 3 mesi, Marotta si era subito messo al lavoro per dare a Inzaghi un rinforzo importante sulla destra, dove negli ultimi impegni nerazzurri era venuto a mancare anche Dumfries a causa di un problema muscolare, e l’esterno del Bruges sembrava il profilo perfetto per sostituire il colombiano (QUI per la scheda del giocatore).

Con l’arrivo previsto per domattina, Inzaghi avrà la possibilità di studiare il ragazzo durante gli allenamenti nei giorni che precedono la sfida casalinga contro l’Hellas Verona di Baroni e con ogni probabilità lo convocherà per la partita, quanto meno per fargli conoscere l’atmosfera di San Siro e permettere ai tifosi di accoglierlo nel miglior modo possibile. Che poi sabato 6 gennaio ci possa essere anche l’esordio del giocatore è tutt’altra questione: in attesa di sapere se Inzaghi potrà contare sulla presenza di Lautaro Martinez in attacco, sulle fasce torneranno a disposizione sia Federico Dimarco, sia Denzel Dumfries, il titolare a ricoprire il ruolo di esterno sulla fascia destra. Saranno con tutta probabilità le condizioni a partita in corso dell’esterno olandese e le sorti della gara a determinare il debutto di Tajon Buchanan.


© Consentita la sola riproduzione parziale citando e linkando la fonte.
Alessia Lazzaroni

Alessia Lazzaroni