Vai al contenuto

Frosinone-Inter, le pagelle: Frattesi e Thuram da urlo, Buchanan convince

L’Inter disintegra a domicilio il Frosinone imponendosi per 5-0. Frattesi e Thuram imprendibili, bene anche Sommer, Buchanan e Lautaro che torna al gol. Ecco le pagelle dei nerazzurri.

Sommer 7 Non sempre perfetto stilisticamente ma molto efficace, si guadagna l’ennesimo clean sheet stagionale grazie ad alcune parate degne di nota. Nel primo tempo vola sul sinistro a giro di Brescianini, nella ripresa respinge un paio di conclusioni ravvicinate.

Bisseck 6,5 Fisicamente strabordante. Colpisce una traversa di testa e nel finale prova anche la conclusione di sinistro che finisce di poco alta. In fase di marcatura ha margini di miglioramento evidenti ma quando si sgancia è devastante.

De Vrij 6,5 Gara attenta, azzecca tutte le letture e gioca bene d’anticipo. Richiama all’ordine i suoi quando la squadra si sfilaccia e perde le distanze. Leader.

Carlos Augusto 6,5 inzaghi lo vede forse più terzo di difesa che quinto di centrocampo e in effetti dietro e un esempio di affidabilità. Non rinuncia a spingere quando ne ha l’opportunità.

Darmian 6 Un tempo da perfetto soldatino: avanti e indietro sulla fascia destra, niente guizzi ma nemmeno svarioni. Ordinato.

Frattesi 7,5 Nel centrocampo ballerino del Frosinone lui è un bambino al luna park. In poco più di un’ora segna e serve un assist. È pericoloso anche in un altro paio di occasioni. Attaccante aggiunto.

Asllani 6 Nei primi 20 minuti soffre il pressing dei ragazzi di Di Francesco e fatica a proporre una regia all’altezza. Cresce man mano che i padroni di casa calano dal punto di vista atletico limitandosi comunque ad appoggi corti e a qualche rara sventagliata. Timido.

Barella 7 Serve un pallone splendido che Frattesi trasforma nell’assist per il 2-0 di Arnautovic. È il vero regista dei nerazzurri, gioca a tutto campo e ci mette quantità e tanta qualità.

Dimarco 6+ Meno frizzante del solito, anche se non fa mancare il suo apporto sulla sinistra. Nel primo quarto di partita deve spesso rincorrere Zortea che spinge forte.

Thuram 7,5 I suoi allunghi sono irresistibili e i difensori del Frosinone non lo prendono mai. Un assist, un gol e tante folate che fanno venire la febbre alta a Okoli e Bonifazi.

Arnautovic 7 Un colpo di tacco che libera Asllani al tiro e un cross in rabona, ma anche alcuni ripiegamenti difensivi da centravanti sgobbone: mischia caviale e birra prima di andare a segno da pochi metri.

 

Inzaghi 6,5 La sbornia post festa Scudetto dei suoi ragazzi è alle spalle, l’Inter torna a fare l’Inter e nonostante un ampio turnover disintegra il Frosinone. Di Francesco prova a sorprendere il Demone di Piacenza schierando Reinier da trequartista e in marcatura su Asllani per fermare la costruzione della manovra nerazzurra: idea non malvagia ma che serve a poco perché le fonti di gioco dei campioni d’Italia sono molte e non si limitano al playmaker.

 

Subentrati

dal 46′ Cuadrado 6+ Ponti via, perde un pallone sanguinoso sulla trequarti e poco dopo spara un cross in curva. Poi però sale di tono e dalla destra mette dentro diversi palloni interessanti.

dal 65′ Lautaro 7 Primo tiro: destro deviato in corner. Secondo tiro: sinistro chirurgico che si insacca all’angolino. Ritrova il gol che gli mancava da fine febbraio.

dal 65′ Klaassen 6 Dà l’impressione di avere un passo più lento dal resto dei compagni ma se la cava con il mestiere e la tecnica.

dal 72′ Buchanan Ormai è chiaro, Inzaghi lo vede solo come esterno sinistro perché vuole sfruttare la sua abilità di rientrare sul piede forte. Lui esegue e firma il primo gol in Italia.

dal 75′ Sensi 6 Un quarto d’ora di passerella quando il risultato non è più in discussione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Vincenzo Corrado

Vincenzo Corrado

Giornalista professionista, scrittore e altre cose che andavano di moda prima dell'intelligenza artificiale.Caporedattore de Il NerazzurroView Author posts