Vai al contenuto

Futuro Inter, una clausola ostacola la cessione

Sono giorni particolarmente importanti per il futuro societario dell’Inter che, mentre dal lato sportivo si appresta a vincere il suo 20esimo Scudetto, dal lato della proprietà vive un momento abbastanza delicato.

Nelle ultime settimane, infatti, sono stati ipotizzati diversi scenari sul futuro socierario, tanto da far sì che lo stesso presidente Zhang sia dovuto intervenire sul tema rispedendo al mittente qualsiasi voce che lo ritraeva in trattativa per la vendita, o quantomeno il suo tentativo, del club meneghino. Abbiamo visto, infatti, come si sia passati dal possibile nuovo prestito con Oaktree, alla trattativa per la vendita della società, fino alle ultime notizie su un imminente accordo tra il patron nerazzurro e il fondo Pimco.

Una clausola nel prospetto informativo del bond ostacola la cessione

inter futuro societario

Si deve cercare, dunque, di fare il punto della situazione per capire cosa sia effettivamente reale e cosa, invece, è frutto della fantasia giornalistica. Ecco che a tal proposito interviene Il Corriere dello Sport che decide di soffermarsi su due aspetti importanti. Il primo è una clausola, rintracciabile nel prospetto informativo del bond emesso da Inter Media nel 2022, che scoraggerebbe di fatto i potenziali acquirenti.

Si tratta del “Change of control”, ossia quel vincolo da parte dell’emittente il titolo, vale a dire l’Inter, a proporre il rimborso integrale delle obbligazioni nel caso di un cambio di proprietà del gruppo. Ecco perchè questa clausola agisce sostanzialmente come freno a chiunque possa manifestare un minimo di interesse per la società di Viale della Liberazione. Chiunque sia interessato ad acquisire il controllo dei nerazzurri, infatti, si espone al rischio di dover investire una cifra aggiuntiva di altri 415 milioni di euro, per poter completare l’acquisizione del club.

Il quotidiano, inoltre, conclude il suo pezzo sottolineando come ad oggi l’escussione del pegno da parte di Oaktree resti l’ipotesi più probabile. Infatti, il fondo non avrebbe alcun interesse a mettersi a gestire l’Inter in questo momento.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Mirko Patera

Mirko Patera