Vai al contenuto

Un grande ex vorrebbe la macchina del tempo per giocare in questa Inter

Andreas Brehme non ha bisogno di presentazioni, anche i più giovani lo conoscono, soprattutto attraverso i racconti dei loro papà quando, con occhi commossi, ricordano le gesta dell’Inter dei tedeschi nel 1989, in contrapposizione al trio olandese dei cugini milanisti. Insieme a Matthaeus e Klinsmann, Brehme, di ruolo terzino, ha segnato la storia dell’Inter e si è imposto come uno dei migliori interpreti del ruolo, regalando momenti di grande calcio ai tifosi che in quegli anni seguivano la beneamata.

Rimasto con l’Inter nel cuore, il tedesco spesso sui suoi social posta dolci ricordi con la casacca nerazzurra e recentemente è stato anche intervistato da Linterista.it, ai cui microfoni ha espresso un’opinione sulla sfida che domenica vedrà i nerazzurri contro la Juventus nella sfida che potrebbe già essere decisiva per lo scudetto.

Le parole di Andy Brehme

Brehme inter intervista

La sfida contro i bianconeri è attesa con grande tensione dal campione tedesco che vede la possibilità per l’Inter di ammazzare il campionato in caso di vittoria in una sfida che si presenta nel momento migliore per gli uomini di Inzaghi. La squadra meneghina merita solo complimenti e Brehme non si risparmia, elogiando il gioco del tecnico piacentino e definendolo non solo “attraente, ma anche efficiente e vincente”.

A proposito di campioni, forse per scherzo, si chiede a Brehme se avesse avuto piacere di giocare con Lautaro, leader tecnico e di personalità all’interno dello spogliatoio. Sorridendo e ricordando i bei momenti vissuti tra le mura di San Siro, Brehme non nasconde la sua passione per i colori nerazzurri, che lo spingono ad accendere la TV ogni weekend per vedere le partite della squadra meneghina e questo gli consente di poter essere certo di una cosa: se i due giocassero insieme in serie A, il duo Andy-Lautaro spaccherebbe la serie A.


© Consentita la sola riproduzione parziale citando e linkando la fonte.
Alessia Lazzaroni

Alessia Lazzaroni