Vai al contenuto

Indiscrezione Financial Times: ecco perché Oaktree ha rilevato l’Inter

Oaktree e Inter foto con loghi
CONDIVIDI:
Banner Libro

Il noto quotidiano britannico si pone interrogativi sugli interessi del fondo americano per il mondo del calcio. Ecco l’indiscrezione del Financial Times.

La nuova veste statunitense dei nerazzurri all’indomani del ventesimo Scudetto e della seconda stella. La nuova proprietà dell’Inter è targata Oaktree, il fondo americano che ha rilevalo il club dal presidente Steven Zhang dopo la scadenza del prestito.

Uno scenario a cui nessuno si aspettava di assistere, visto che il fondo statunitense non aveva mai manifestato la voglia di mettersi a capo dell’Inter. Proprio per questo interesse verso il calcio, sorgono dubbi e interrogativi sulle intenzioni della nuova proprietà nerazzurra.

A porsi le domande sulle mire di Oaktree Capital Management è il quotidiano economico-finanziario britannico del Financial Times. In un articolo del giornale, si leggono questi interrogativi, che sono anche quelli dei tifosi: il fondo americano può essere proprietario a lungo termine? Ma, soprattutto, FT si chiede quanto debito vorrà imporre Oaktree sulla squadra, ora che il bilancio è stato ripulito?

Quesiti che sorgono in queste ore molto calde in casa Inter. E che, sempre nell’articolo del Financial Times, sembrano trovare quanto meno un motivo tra i tanti. Infatti, il noto quotidiano britannico ha voluto riportare un’indiscrezione che ha ricevuto da una persona vicina al fondo californiano. Come riporta l’articolo di FT, l’indiscrezione ha confidato ai giornalisti che Oaktree abbia rilevato l’Inter per proteggere principalmente gli investimenti dei soci accomandanti (ovvero, quei soci esclusi dalle decisioni amministrative della società).

Nonostante questa indiscrezione, il Managing Director e Co-Head Europa per la strategia Global Opportunities, Alejandro Cano, ha voluto ribadire che Oaktree vorrà impegnarsi per mantenere il successo a lungo termine del club Campione d’Italia. Parole che, in questi giorni di confusione, possono far ben sperare i tifosi – oltre alla riconferma dei dirigenti dell’Inter, come ad esempio Beppe Marotta.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Samuele Amato

Samuele Amato

Classe '97, follemente addicted ai colori nerazzurri, alla musica e alla filosofia.View Author posts