Vai al contenuto

Frattura al viso per Mauro Icardi: le sue condizioni

icardi galatasaray
CONDIVIDI:
Banner Libro

Mauro Icardi infortunio. Da giorni si parla di un possibile ritorno di Mauro Icardi all’Inter, dividendo e non poco la tifoseria nerazzurra, tra chi è assolutamente favorevole a riaccogliere l’attaccante argentino, e chi invece non dimentica le polemiche del suo ultimo anno a Milano. Attualmente l’attaccante gioca al Galatasaray in Turchia, ma ha appena rimediato un infortunio, fratturandosi alcune ossa del viso: ecco le sue condizioni e quando tornerà in campo.

Fratture al viso per Icardi

Il derby dello scorso 24 dicembre contro il Fenerbahce (dove milita un altro ex nerazzurro, ovvero Edin Dzeko), terminato 0-0 con le due squadre che rimangono prime in classifica a pari punti, ha lasciato strascichi pesanti per Icardi. L’argentino, come scritto da FcInterNews, ha riportato alcune fratture al viso, dopo un violento impatto contro il palo. Queste fratture hanno provocato un problema agli occhi, appurato dopo consulenze otorinolaringoiatriche e di chirurgia plastica. L’attaccante dovrà rimanere quindi qualche giorno a riposo, e tra una decina di giorni verranno rivalutate le sue condizioni. Quando i medici lo riterranno opportuno, Icardi potrà tornare a giocare, probabilmente con una maschera protettiva.

Intanto su di lui non si placano le voci di calciomercato, con l’argentino che avrebbe manifestato la volontà di tornare all’Inter, secondo quanto scrive Tuttosport. Al momento il club nerazzurro non è interessato ad Icardi, anche perchè ritiene che il reparto offensivo composto da Lautaro Martinez, Thuram, Arnautovic e Sanchez non abbia bisogno di esser cambiato, nonostante gli ultimi due non abbiano garantito grandi prestazioni quando sono stati chiamati in causa. Ci sarebbero poi anche problemi di natura economica, con Icardi che al Galatasaray guadagna 10 milioni di euro l’anno, una cifra non sostenibile per i nerazzurri, oltre a una questione di spogliatoio, con lo strappo di quattro anni fa che non è stato ancora ricucito.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Emanuele Di Vitto

Emanuele Di Vitto