Vai al contenuto

L’Inter spendacciona è solo un ricordo: i nerazzurri al top per sostenibilità

Può suonare strano, ma secondo alcune analisi dell’International Centre for Sport Studies – noto come CIES – l’Inter ha ottenuto un saldo di circa 19 milioni di euro tra acquisti e cessioni negli ultimi anni. Un dato che così su due piedi può un attimo spiazzare, ma che è stato anche possibile dagli introiti guadagnati nelle recenti stagioni con le vittorie di Supercoppe e Coppe Italia, oltre che alla partecipazione alla finale di Champions League dell’anno passato.

Potrebbe risultare banale, è vero, ma l’idea di riuscire a costruire un calcio sostenibile – insieme ad una squadra di vere e proprie stelle – con un budget così limitato è davvero irraggiungibile per moltissimi club europei. Un’idea che l’amministratore delegato Giuseppe Marotta ha invece voluto sposare, coltivandola e sviluppandola sul campo tramite le diverse operazioni di mercato nei suoi ormai 6 anni all’Inter.

La strategia di Marotta

Marotta intervista DAZN

Inutile nascondersi dietro un dito: il lavoro di Marotta e compagni è davvero degno di nota. Pensare di costruire una squadra forte con un budget ‘risicato’ non è così semplice, ma pensare di costruire una vera e propria potenza europea in grado di dominare in lungo e in largo in ogni competizione è davvero complicato. Basti pensare ai numeri registrati da alcune delle società italiane più importanti: la Juventus si presenta con un saldo del -220, con dietro a seguire rispettivamente il Milan con -205 e il Napoli con -138.

In linea generale questi sono numeri da prendere con le pinze e, dunque, da non ritenere come iper realistici; tuttavia ciò che si può ritenere certo è l’incredibile risultato che sta raggiungendo la rosa nerazzurra al fronte di queste stime. Che piaccia o no, l’Inter sta dimostrando sul campo di meritarsi ciò che finora è riuscita a raggiungere, accompagnando gli ottimi risultati con una serie interminabile di prestazioni eccellenti. In più i risultati già pazzeschi della formazione di Simone Inzaghi vengono evidenziati anche dal costo di questa rosa, che inevitabilmente costruisce un primo giudizio in sede di pronostici.

Va da sé che questo non eleva l’Inter ad una società grandiosa e priva di problemi, ma una stagione così importante al fronte di questi dati sottolinea ancor di più la grande impresa nerazzurra, che ora più che mai assumerebbe un significato totalmente diverso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Riccardo Fattorini

Riccardo Fattorini

Sono un giornalista sportivo alla ricerca di nuovi stimoli ed esperienze formative. Amo il calcio e amo poterlo raccontare in diversi modi, anche sotto il mio punto di vista.View Author posts