Vai al contenuto

Inter, Bastoni si ferma in allenamento. A rischio la partenza per Udine.

Cattive notizie per Inzaghi: Alessandro Bastoni si è fermato dopo l’allenamento di questa mattina ad Appiano Gentile per un affaticamento ai flessori.

L’Inter è sempre più vicina all’obiettivo di cucirsi la tanto desiderata seconda stella sul petto e lunedì sarà chiamata a conquistare i tre punti contro l’Udinese nel cosiddetto monday night, che chiuderà la 31esima giornata di campionato. In attesa della sfida però, da Appiano Gentile non arrivano belle notizie per Inzaghi, i tifosi interisti e i fantallenatori. Dopo l’allenamento di questa mattina, infatti, il difensore nerazzurro Alessandro Bastoni ha rimediato un leggero affaticamento muscolare ai flessori e ora rischia di non poter prendere parte alla trasferta del Bluenergy Stadium.

Come sta Bastoni e chi al suo posto lunedì sera a Udine

Come sta Bastoni?” è la domanda che si stanno facendo gli interisti, ma soprattutto Inzaghi (e i fantallenatori dell’ex atalantino). A causa dell’infortunio muscolare, il difensore questa mattina non ha potuto completare l’allenamento e questo potrebbe fargli saltare la trasferta friulana. Le condizioni del giocatore verranno valutate domani e dopodomani e solo dopo un’attenta analisi lo staff medico deciderà, in accordo con il tecnico che oggi ha festeggiato il suo compleanno e le 150 panchine nerazzurre, se è opportuno convocarlo per la sfida contro gli uomini di Semplici.

Chiaro è che,  in caso di stop del difensore nerazzurro, Inzaghi avrebbe di fronte a sé delle scelte obbligate: De Vrij è ancora fermo ai box e quindi la linea a tre dell’Inter sarà composta da Acerbi, Pavard e Bisseck. “Bisteccone” ha giocato metà delle sue partite partendo da titolare (6 partite su 13) e nei 628 minuti che ha avuto a disposizione per mettersi in mostra e farsi apprezzare ha segnato due gol. Lunedì sera potrebbe toccare ancora a lui e certamente il giovane talento tedesco si farà trovare pronto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Alessia Lazzaroni

Alessia Lazzaroni