Vai al contenuto

Inter: chiamata di Eto’o per Bisseck, può andare in Coppa d’Africa

L’Inter rischia di perdere Yann Bisseck per il mese di gennaio, periodo in cui si giocherà la Coppa d’Africa. Infatti, nonostante il difensore non abbia giocato moltissimo, nelle ultime settimane sta trovando più spazio, offrendo buone prestazioni, soprattutto l’ultima in casa contro l’Udinese. Bisseck ha sempre giocato nelle nazionali giovanili della Germania, ma nasce in una famiglia di origine camerunense. A tal proposito, il presidente della Federazione calcistica del Camerun Samuel Eto’o ha chiamato il giocatore, sondando la sua eventuale disponibilità a partecipare alla prossima Coppa d’Africa.

Bisseck in Coppa d’Africa col Camerun

Dopo una prima parte di stagione da spettatore, il giovane difensore arrivato nello scorso mercato estivo sta giocando con più continuità, anche a causa dei numerosi infortuni che hanno colpito il reparto difensivo nerazzurro. Domani l’Inter giocherà contro la Lazio, e Bisseck sarà con tutta probabilità titolare (QUI LE PROBABILI FORMAZIONI), e sarà un banco di prova importantissimo per il tedesco, per dimostrare di essere un giocatore maturo e capace di giocare ad altissimi livelli.

Proprio per questo motivo, il Camerun starebbe pensando di convocarlo per la Coppa d’Africa, che inizierà il 13 gennaio e terminerà l’11 febbraio. Bisseck è nato in Germania ed ha giocato in tutte le nazionali giovanili tedesche, ma la famiglia è originaria del Camerun, e perciò, secondo quanto riportato da La Gazzetta dello Sport, il giovane difensore potrebbe volare giocare la più importante competizione africana.

Per convincerlo, è intervenuto Samuel Eto’o, ex di Barcellona ed Inter, ora presidente della Federazione calcistica del Camerun, che ha chiamato direttamente il giocatore, per convincerlo a vestire la maglia camerunense. Bisseck sicuramente è rimasto lusingato, ma si prenderà del tempo per decidere, considerando che, come detto, ha fatto tutta la trafila delle nazionali della Germania.


© Consentita la sola riproduzione parziale citando e linkando la fonte.
Emanuele Di Vitto

Emanuele Di Vitto