Vai al contenuto

Inter Club Cile si racconta: “Interisti grazie a Zamorano. E su Sanchez…”

In un momento in cui l’Inter continua a vincere e a far sognare i suoi tifosi, abbiamo cercato di capire come stanno vivendo la situazione odierna i tifosi più lontani geograficamente dall’Italia.

Dopo l’Argentina, uno dei paesi sudamericani più strettamente legati ai colori nerazzurri è indubbiamente il Cile, patria di Ivan Zamorano, detto Bum Bum dai tifosi interisti, e di Alexis Sanchez, già campione d’Italia nel 2021 e compagno di reparto di Lautaro Martinez nell’Inter di oggi. Nella giornata di oggi abbiamo contattato Daniel Marambio, uno dei principali responsabili del Club, che ci ha parlato della sua passione per l’Inter e di come è nata l’idea di creare un Inter Club in Cile.

Le parole dell’Inter Club Cile

Come è nata la vostra passione per l’Inter e l’idea di fondare un Inter Club?

“La mia passione per l’Inter è nata all’età di 8 anni grazie a mio padre, che mi ha fatto appassionare all’Inter perchè ci giocava Ivan Zamorano, uno dei più grandi idoli del calcio cileno. Da lì in poi la passione si è trasformata in amore. Successivamente l’idea di creare un Inter Club è nata perchè, dato che esistevano già degli Inter Club in Argentina, Colombia e Perù, credevo che fosse giusto portare un Inter Club anche in un paese come il Cile, che ha avuto tanti giocatori che hanno vestito la nostra maglia”.

Quanti soci ha il Club? Vivono tutti in Cile o anche in altri paesi?

“Al momento contiamo 62 soci in totale, 58 adulti e 4 minorenni. La nostra sede è a Santiago e tutti i nostri soci vivono in Cile”.

Com’è seguire le partite da un paese così lontano? 

“Nonostante la distanza e il fuso orario, la passione che proviamo per l’Inter è molto grande. Viviamo le partite con le stesse emozioni che vivono altri tifosi in Italia. Del resto, il nostro cuore è sempre al fianco dell’Inter”.

Da tifosi che vivono all’estero sentite di più la rivalità con il Milan o la Juventus?

“Sono due partite che sentiamo molto, ma io personalmente sento di più la partita contro la Juventus. Batterli mi fa sempre piacere, soprattutto dopo quello che è successo con lo scandalo di Calciopoli”.

Avete mai avuto l’opportunità di andare a San Siro?

“Purtroppo io non ho ancora avuto questa occasione, ma altri soci invece sì. Allo stesso tempo però sono convinto che un giorno realizzerò questo sogno”.

Di tutti i calciatori cileni che hanno vestito la maglia dell’Inter, qual è quello a cui siete maggiormente affezionati?

“Il nostro favorito è senza dubbio Ivan Zamorano, che è il giocatore che mi ha fatto diventare interista”.

Che ne pensate del ritorno di Alexis Sanchez? credete che possa fare di più?

“Secondo me Alexis non avrebbe dovuto andare via l’anno scorso. Se fosse rimasto all’Inter avrebbe giocato ad alti livelli e avrebbe potuto dare il suo contributo in maniera significativa”.

Secondo voi l’Inter di oggi può ambire a vincere scudetto e Champions League?

“Credo che questa squadra sia molto forte e, per certi versi, penso che sia migliore anche dell’Inter del 2010 perché ha molte più alternative. Lo scudetto è assolutamente alla nostra portata, la Champions è un obiettivo più difficile ma non impossibile da raggiungere”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Simone Ambroso

Simone Ambroso