Vai al contenuto

Sondaggio per Ndoye se parte Dumfries: ma il Bologna spara alto

Dan Ndoye obiettivo Inter
CONDIVIDI:
Banner Libro

Ndoye Inter. L’estate può iniziare e con essa il calciomercato: le operazioni nerazzurre si apprestano ad entrare nel vivo e i ruoli da puntellare nella rosa di Inzaghi sono più di uno. Il mister ha già fatto alcune richieste alla società, partendo da arrivi necessari come quello di un vice Sommer a pupilli personali, e una delle posizioni in cui agire è quella di un esterno destro.

Lungo la fascia su cui milita attualmente Denzel Dumfries ci sarà da colmare il vuoto che lascerà proprio l’olandese, ormai quasi certamente vicino all’addio, e i nomi per un sostituto in lista ci sarebbero. L’indiziato principale su cui l’Inter ha messo gli occhi, al momento, è un giocatore del Bologna, ma i rossoblù sparano alto per il suo cartellino: ecco tutti i dettagli.

Inter, Ndoye per il dopo Dumfries? Ecco quanto chiede il Bologna per lui

Come riportato da Sky Sport ci sarebbe stato un sondaggio da parte del club nerazzurro con gli emiliani per Dan Ndoye, profilo tenuto in seria considerazione in caso di partenza di Dumfries. Il centrocampista svizzero, che alla sua prima stagione in Serie A ha collezionato 32 presenze mettendo a registro un gol e un assist, avrebbe le caratteristiche perfette per il gioco di Inzaghi, proprio a partire dal ruolo di quinto a destra che andrebbe a ricoprire.

La richiesta del Bologna non è proibitiva, ma costituirebbe comunque un investimento importante: 25 milioni di euro la valutazione del cartellino del classe 2000 secondi i felsinei. Si tratta di un profilo giovane, interessante e con buone prospettive, perciò non è escluso che in caso di cessione di Dumfries l’Inter decida di investire una parte del ricavato proprio nell’acquisto di Ndoye, magari inserendo qualche contropartita per abbassarne il prezzo. L’olandese è in scadenza nel 2025, dunque possibile un addio in questa sessione se non si troverà un accordo per il rinnovo onde evitare di perderlo a zero.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Fabrizio Pettenati

Fabrizio Pettenati