Vai al contenuto

Inter, il Manchester United libera Martial: può arrivare a zero

Uno dei nomi che circolano per l’attacco dell’Inter della prossima stagione è quello di Anthony Martial, attualmente di proprietà del Manchester United. Il francese ha il contratto in scadenza il prossimo giugno 2024, e in caso di mancato rinnovo, potrebbe diventare una grande occasione di mercato per i nerazzurri ma non solo. In tal senso, arrivano importanti aggiornamenti sul suo futuro proprio dal suo tecnico, Erik Ten Hag.

Inter, Martial lascerà lo United

Dopo la bella vittoria dei Red Devils di ieri sera contro l’Aston Villa, con la squadra di Unay Emery che ha chiuso il primo tempo in vantaggio di due gol, salvo poi farsi rimontare fino al 3-2 finale del Manchester United grazie alla doppietta di Garnacho e al primo gol in Premier League dell’ex Atalanta Rasmus Højlund. Al termine della partita, il tecnico dello United Ten Hag ha parlato anche della situazione contrattuale di Martial: secondo quanto riportato da Tuttomercatoweb, attualmente il rinnovo del francese non è un obiettivo del club.

L’ex giocatore del Monaco non è mai riuscito a fare la differenza in Inghilterra, anche a causa di qualche infortunio di troppo. Secondo i dati di Trasnfermarkt, Martial ha giocato 13 partite in Premier League, ma per un totale di appena 444 minuti, segnando un gol e servendo un assist. Chiaro come il minutaggio concessogli dal suo tecnico non sia elevatissimo, e per questo motivo, nonostante l’ingente somma spesa dal Manchester United per prelevarlo dal Monaco, circa 60 milioni di euro, il club inglese è pronto a perderlo a parametro zero.

Potrebbe rappresentare una bella occasione di calciomercato per l’Inter, considerando anche che Martial è un classe 1995, pertanto ha ancora tanti anni di carriera davanti, al netto dei problemi fisici. E in caso di addio di Alexis Sanchez nella prossima stagione, il francese potrebbe diventare un opzione importante per l’attacco dei nerazzurri.


© Consentita la sola riproduzione parziale citando e linkando la fonte.
Emanuele Di Vitto

Emanuele Di Vitto