Vai al contenuto

In 2 anni il debito è sceso di 200 mln: la verità sui conti nerazzurri

Il problema principale, quando si parla di Inter e della sua situazione finanziaria, è che quasi tutti gli avversari, purtroppo anche parecchi interisti, non sembrano aver aggiornato la tabella dei conti. 

Molti, infatti, hanno ancora davanti agli occhi la foto del 2020/2021 quando l’Inter si è trovata realmente in una situazione alquanto precaria, con un rosso in bilancio che non lasciava presagire nulla di buono. Ma da quella stagione sportiva ad oggi, grazie a diversi attori che gravitano attorno all’ambiente nerazzurro, è riuscita in qualche modo a risollevarsi.

Da una parte la proprietà che, forse anche con un pò di incoscienza, è riuscita ad ottenere un finanziamento a tassi altissimi, immettendo liquidità nella gestione. Senza dimenticare l’ottimo lavoro svolto dal management che, sia a livello sportivo sia a livello gestionale, è riuscita a massimizzare i ricavi derivanti da asset aziendali e sponsorizzazioni.

Il debito è passato da 827 mlioni a meno di 700

zhang inter 2021

Ecco i dati relativi al debito dell’Inter negli ultimi anni di gestione:

Al 30/06/2021 il debito lordo era di 827 milioni.

Al 30/06/2022 era persino aumentato a 881 milioni.

Al 31/03/2024 è sceso sotto i 700 milioni, a spanne siamo tra i 650 e i 680 milioni.

In poco più di due anni, quindi, il debito lordo è sceso di circa 200 milioni, pari al 23%.

Inoltre, dal “bruciare cassa” si è arrivati a riscontrare un avanzo di cassa. Nel 21/22 si registravano perdite di cassa per circa 10 milioni al mese, equivalenti a 110/120 l’anno. La stagione successiva si era registrata già una riduzione del fenomeno, con perdite di cassa per circa 5 milioni al mese, ossia 55/60 l’anno. Ma nella stagione 23/24 ecco che la cassa nerazzurra ha iniziato a sorridere, registrando un avanzo di cassa, ossia la società nerazzurra ha iniziato a guadagnare di più rispetto a quanto spende.

Un miglioramento dei conti dettato dal lavoro di più persone, condito dal raggiungimento di risultati sportivi importanti tra cui tutti i trofei derivanti dalla gestione Inzaghi. Ma molti risultano ancora fermi ai dati del 2020/2021 e parlano di una società “tecnicamente fallita” quando in realtà l’indice di solvibilità dei nerazzurri è di società “tecnicamente finanziabile“. Siamo passati dall’obbligo di cedere all’opportunità di cedere giocatori, e in tutto questo l’Inter è riuscita nell’intento di mettere in bacheca il suo ventesimo scudetto, quello della seconda stella.

L’Inter e Zhang davvero sono pieni di debiti?

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Mirko Patera

Mirko Patera