Vai al contenuto

Inter, ecco la lettera di ringraziamenti alla squadra di Simone Inzaghi

Dopo aver disputato una stagione incredibile, poi coronata dalla vittoria del 20° Scudetto, Inzaghi ha voluto omaggiare l’intera società scrivendo una lettera.

Una stagione così può solo che essere ricordata. Non capita spesso di trionfare in questo modo sia in Serie A che in altre competizioni nazionali. Questa seconda stella è davvero il giusto premio dopo un percorso di sacrifici, lavoro e dedizione iniziato ormai 3 anni fa. Oltre ai 5 trofei nel mezzo, Simone Inzaghi ha portato una serenità fondamentale per lo spogliatoio, che non solo ha imparato a fidarsi del proprio tecnico, ma anche a seguirlo in ogni sua decisione.

Tralasciando i soliti schemi, le indicazioni, i posizionamenti in campo o le strategie da utilizzare contro gli avversari: il tecnico piacentino è stato davvero determinante per questa Inter, trasformandola in una vera e propria corazzata e alzando nuovamente il nome dell’Inter fra le squadre più pericolose d’Europa. A tal proposito l’allenatore ex Lazio ha voluto omaggiare l’intera società dopo questa stagione, ringraziando tutti dell’opportunità data e dell’impegno encomiabile.

“Sempre forza Inter”

Simone Inzaghi - lettera alla società

Benvenuti nella nostra storia, fatta di passione e di grandi vittorie. La seconda stella è della Milano nerazzurra. Fin dall’inizio era solo uno il nostro obiettivo: rendere orgogliosa la città e tutta la nostra gente. Tanti tifosi meravigliosi, che ci sono stati sempre vicini, uniti da grande passione e amore per i nostri colori. Sono orgoglioso di condividere con voi il racconto di questo viaggio straordinario per questo grandissimo club, ma soprattutto per i miei giocatori e tutti quelli che amano l’Inter. Quest’anno abbiamo raggiunto un traguardo incredibile, che ci permette di entrare nella storia. La strada verso il trionfo è stata bellissima, la seconda stella sul petto rappresenta lo sforzo, i sacrifici e il talento di tutte le persone che formano la nostra famiglia. Come la Grande Inter di Herrera che vinse la prima stella tanti anni fa, anche noi oggi scriviamo una delle pagine più importanti della nostra società. Un grazie speciale al Presidente Steven Zhang che mi ha voluto all’Inter e ci è sempre stato vicino, non facendoci mai mancare nulla. Un grazie a tutti i dirigenti con i quali ho lavorato, che ci hanno messo nelle condizioni di poter svolgere al meglio il nostro lavoro. Grazie a tutto il mio staff e tutte le persone con cui ho condiviso questo splendido percorso, senza il cui impegno non avremmo raggiunto il nostro grande obiettivo.

Ma soprattutto grazie ai miei giocatori, i veri protagonisti di tante battaglie, che hanno reso orgoglioso tutto il popolo nerazzurro nel mondo. Un grazie infinito alla mia famiglia che è il mio porto sicuro e un appoggio costante nella mia vita di allenatore e di uomo. Quando finalmente è arrivato il fischio finale del derby e ho visto gioire tutti i tifosi nerazzurri, ho provato una gioia immensa che faccio fatica a descrivere. In questi tre anni insieme, con il club, i miei giocatori e questo fantastico gruppo di lavoro, abbiamo giocato un grande calcio, affrontato sfide e conquistato tanti trofei, disputando alla grande una finale di Champions League dove avremmo potuto essere più fortunati.

Abbiamo sempre cercato di tenere alti i nostri colori e rendere orgogliosi i tifosi che ogni settimana ci seguono e spronano a fare sempre meglio. Così continueremo a fare sempre in tutte le nuove sfide che ci aspettano. Spero che questa storia possa ispirare chi sogna di realizzare i propri obiettivi, dimostrando che con il lavoro di tutti i giorni, determinazione e sacrificio, ogni desiderio può diventare realtà. Nel momento più difficile ci siamo uniti ancora di più e siamo diventati una famiglia: io questo non lo scorderò mai. II bene non si dimentica e resta per sempre. Sempre forza Inter”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Riccardo Fattorini

Riccardo Fattorini

Sono un giornalista sportivo alla ricerca di nuovi stimoli ed esperienze formative. Amo il calcio e amo poterlo raccontare in diversi modi, anche sotto il mio punto di vista.View Author posts