Vai al contenuto

Inter-Napoli: probabili formazioni e arbitro del match

Inter-Napoli probabili formazioni. Posticipo domenicale della ventottesima giornata di Serie A, è la sfida tra due delle grandi deluse del ritorno degli ottavi di finale di Champions League che ha visto le formazioni nerazzurra e partenopea uscire con la delusione dell’eliminazione dalla corsa verso la finale di Londra. L’Inter ha visto sfumare solo dagli undici metri il traguardo dei quarti di finale dopo aver lasciato, tra andata e ritorno, un capitale in termini di occasioni fallite per chiudere, già a San Siro, la pratica qualificazione contro l’Atletico Madrid mentre il Napoli si è visto travolgere dalla piena del fiume Barcellona in terra catalana, seppur per buona parte della gara la squadra Campione d’Italia abbia sfoggiato una prestazione che certifica che la cura Calzona sta toccando le corse giuste come confermato dalle dichiarazioni della viglia di alcuni dei protagonisti.

Dopo l’amara serata di Madrid, l’Inter, che ha ora un margine di 16 punti sul secondo posto, occupato dal Milan, è intenzionata a raggiungere il traguardo del ventesimo scudetto il prima possibile, obiettivo diventato ora imprescindibile in una stagione che, sebbene i risultati la rendano trionfale, ha comunque dovuto registrare le eliminazioni premature prima dalla Coppa Italia, a dicembre per mano del Bologna e, da ieri, dalla Champions League.

Inter-Napoli: probabili formazioni

inter-napoli

Inter-Napoli porterà in campo le fatiche dei tempi supplementari giocati al Wanda Metropolitano per i nerazzurri. I 120 minuti di Madrid si faranno sentire sulle gambe dei giocatori nerazzurri e Simone Inzaghi, in una gara che rappresenta il penultimo ostacolo (oltre al Derby) di rilievo sulla strada che porta alla seconda stella, meta sempre più alla portata del club di Viale della Liberazione, potrà far ruotare stabilmente la rosa, ora che anche gli impegni europei infrasettimanali sono terminati. Al netto delle assenze dei lungodegenti Cuadrado e Sensi e le ultime di Carlos Augusto e Arnautovic, il nome più papabile per una maglia da titolare è Davide Frattesi che potrebbe concedere un turno di riposo a uno tra Barella o Mkhitaryan mentre in difesa Acerbi dovrebbe riprendere posto al centro del trio difensivo completato da Bastoni e Pavard sui lati.

In attacco spazio alla Thu-La con Thuram e Lautaro Martinez, quest’ultimo chiamato a riscattare la serata negativa contro l’Atletico Madrid. Il Napoli, anch’esso ferito dalla notte europea, davanti a Meret dovrebbe schierare una difesa a quattro formato da capitan Di Lorenzo, Rrahmani, Juan Jesus e Olivera, anche se persiste il ballottaggio con Mario Rui. Il trio di centrocampo formato da Anguissa, Lobotka e Traoré agirà alle spalle del tridente composto dall’ex nerazzurro Politano, Osimhen, che contro i nerazzurri non è ancora andato a bersaglio da quando gioca in Italia e Kvaratskhelia, in rampa di lancio verso il ritorno alla miglior condizione. Il possibile futuro nerazzurro Piotr Zielinski partirà dalla panchina pronto a subentrare in quella che dovrebbe essere la sua ultima apparizione a San Siro prima di essere svincolato a parametro zero.

INTER (3-5-2): Sommer; Pavard, Acerbi, Bastoni; Darmian, Barella, Calhnoglu, Mkhitaryan, Dimarco; Thuram, Lautaro Martinez. All. Inzaghi

NAPOLI (4-3-3): Meret; Di Lorenzo, Rrahmani, Juan Jesus, Mario Rui; Anguissa, Lobotka, Zielinski; Politano, Osimhen, Kvaratskhelia. All. Calzona

Inter-Napoli: chi dirigerà l’incontro

arbitro-la-penna

Inter-Napoli segnerà il passaggio di consegna dello scudetto. Non perché il campionato sia terminato, mancano ancora dieci giornate al termine, ma poiché il distacco degli attuali Campioni d’Italia dai nerazzurri è di 31 punti, il minimo per tagliare fuori aritmeticamente gli azzurri dalle pretendenti al titolo. La gara è comunque ricca di significati e si preannuncia ricca di agonismo; la Lega Serie A ha reso noto il nome del direttore di gara designato per l’incontro, il Signor Federico La Penna che sarà coadiuvato dagli assistenti Giuseppe Perrotti e Alessio Berti mentre al VAR ci saranno Paolo Valeri e Aleandro Di Paolo.

I precedenti con il fischietto della sezione di Roma 1 sono pienamente incoraggianti per il club nerazzurro: 5 vittorie su 5 direzioni sebbene l’ultimo precedente abbia visto l’Inter uscire sconfitta in Coppa Italia contro il Bologna.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Gianmarco Vella

Gianmarco Vella