Vai al contenuto

Inter, occhi ancora in Olanda: nel mirino esterno dell’Az Alkmaar

Sul taccuino di Marotta e Ausilio spunta un nuovo nome proveniente dall’Eredevisie, più precisamente dall’Az Alkmaar. Dal campionato olandese i nerazzurri avevano già pescato il successore di Hakimi dopo la sua partenza verso Parigi, ossia Denzel Dumfries, e sono tornati a guardare nella terra dei tulipani e dei mulini a vento proprio alla ricerca di un profilo in grado di coprire la fascia destra.

Il neo acquisto Tajon Buchanan viene spesso impiegato a sinistra come vice Dimarco, con l’ex Monza Carlos Augusto che sta regalando ottime prestazioni anche nella posizione di centrale di difesa. Sulla corsia opposta, invece, è incerta la permanenza a Milano proprio dell’ex PSV Dumfries, ancora senza rinnovo, ma con il jolly Darmian probabilmente destinato a un ruolo più da centrale difensivo è possibile che rimanga uno spazio anche se l’olandese dovesse restare.

L’Inter ha messo gli occhi su di lui: occhio alla freccia giapponese dell’Az Alkmaar

Il terzino giapponese dell'Az Alkmaar Sugawara, seguito dall'Inter

Il nome nuovo è quello di Yukinari Sugawara, esterno classe 2000 dell’Az Alkmaar, seguito già quando i nerazzurri decisero di accelerare per Buchanan. Il ragazzo di Toyokawa ha totalizzato 21 presenze su 25 in Eredevise durante questa stagione, tutte giocando dal primo minuto, realizzando anche 1 gol e 5 assist. Sono 10, invece, le reti totali con gli olandesi in 5 stagioni e 183 presenze.

Il giapponese ha un contratto che scade nel 2025 e il suo valore di mercato oscilla tra i 10 e i 15 milioni di euro; una cifra abbordabile per l’Inter soprattutto se dovesse partire Dumfries. La trattativa non sembra impossibile e lo spazio in rosa tra i nerazzurri c’è, che il terzino olandese rimanga o meno, ma starà a Marotta e Ausilio valutare attentamente anche altri calciatori e altre occasioni sul mercato. Il profilo di Sugawara, sicuramente, rimane interessantissimo e il suo è uno dei nomi da tenere d’occhio per questa estate.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Fabrizio Pettenati

Fabrizio Pettenati