Vai al contenuto

Inter a Roma con i nomi in cinese: lo scorso anno non portarono fortuna

Inter con i nomi in cinese sulla maglia. Come da tradizione ormai, per festeggiare il capodanno cinese, che quest’anno inizia il 10 febbraio e sarà sotto il segno del drago, e strizzare quindi l’occhio al pubblico asiatico, in occasione di questa festività i giocatori scendono in campo con i nomi in cinese sul retro delle loro maglie. Sebbene l’orario non sia l’ideale per il pubblico asiatico, Roma-Inter, che si giocherà all’una di notte in Cina, omaggerà il capodanno cinese.

La scelta di omaggiare la cultura asiatica è stata fortemente voluta dalla proprietà interista e da Steven Zhang che, come successo nelle stagioni passate, non perderà l’occasione di celebrare questo evento: la maglia è già acquistabile online, personalizzabile con i nomi in cinese di 4 big nerazzurri (Lautaro, Barella, Thuram, Dimarco).

I numeri in cinese sulla maglia lo scorso anno portarono sfortuna

I più scaramantici possono sicuramente iniziare a temere. Lo scorso anno il capodanno cinese cadde in occasione di una sfida che gli interisti non hanno di certo dimenticato, Inter-Empoli. La sfida contro i giovani di Zanetti si giocò il 24 gennaio 2023, con i nerazzurri freschi di trionfo in Supercoppa, dopo aver rifilato un netto 3-0 ai cugini rossoneri. La Supercoppa al centro del campo, la festa sugli spalti, l’omaggio al capodanno cinese in clima rigido per il freddo ma caldo di gioia ed entusiasmo. Nessuno temeva l’Empoli. E questo è stato un terribile errore da parte di tutti. L’Inter resta in dieci al quarantesimo, quando venne espulso Skriniar, che già si vociferava che non avrebbe rinnovato. La conferma dell’addio dello slovacco a fine stagione arrivò proprio dal suo agente negli stessi minuti in cui al difensore nerazzurro veniva sventolato in faccia il cartellino rosso. I tifosi interisti, già amareggiati e delusi per il comportamento di colui che molti volevano vedere con la fascia di capitano al braccio, sono stati ammutoliti poi dall’Empoli che trovò il gol del vantaggio con Baldanzi. A nulla valse l’assalto finale dei nerazzurri, con la traversa colpita da De Vrij che riecheggiò nella mente dei nerazzurri nei giorni successivi.

E se qualcuno penserà che il fattore sfortuna sia solamente legato alla maglia diversa, ecco qua un ulteriore elemento per iniziare a fare gli scongiuri. Baldanzi, che l’anno scorso firmò la prima sconfitta del 2023 per l’Inter, oggi è un giocatore della Roma.


© Consentita la sola riproduzione parziale citando e linkando la fonte.
Alessia Lazzaroni

Alessia Lazzaroni