Vai al contenuto

Inter temuta anche in Spagna: “Gioco e potenza, un pericolo per la Champions”

Dopo la conquista della finale della scorsa edizione della Champions League, l’Inter di Simone Inzaghi è vista con occhi diversi da tante altre società, soprattutto in Spagna dove è ritenuta una minaccia silenziosa. Forse gli spagnoli non sanno che anche in Italia, i nerazzurri sono sempre stati molto cauti e discreti, e hanno fatto del loro silenzio l’energia per scendere in campo.

Stando a quanto riporta il quotidiano catalano Sport, l’Inter in Europa è come un ghepardo silenzioso che si muove “uccidendo i rivali a colpi di cannone”. I nerazzurri difatti si trovano al secondo posto dietro solo al Bayer Leverkusen di Xabi Alonso, tra i migliori cinque campionati europei, e questo la dice lunga sul lavoro che Inzaghi opera con i suoi ragazzi ad Appiano Gentile.

L’elogio all’Inter dalla Spagna

inter verona gruppo
Inter Verona

Attualmente sappiamo che l’Inter ha la migliore differenza reti (47) ed è anche la squadra che ha realizzato un totale di 59 gol segnati, facendo più punti. Questo è il risultato di aver vinto più partite e ritrovarsi di conseguenza in vetta alla classifica del campionato di Serie A, avendo inoltre il merito di aver battuto per la prima volta di questo anno l’Atletico Madrid nella partita di andata degli ottavi di Champions League.

L’Inter della stagione 2023/2024 è una macchina da guerra, viaggia ad alta intensità godendo anche di una eccellente panchina che entra in campo nel migliore dei modi a sostituzione degli undici titolarissimi. Questo è l’effetto di un lavoro studiato e mirato da parte di tutto il club nerazzurro.

Il quotidiano spagnolo dedica poi un trafiletto alla coppia del reparto offensivo Lautaro-Thuram, che fa tremare tante difese e che è sempre più protagonista in Italia e in Europa, totalizzando 30 gol, numero superato solamente da Kane e Sane al Bayern Monaco con 33 reti, ma si dimentica di elogiare tutti gli altri reparti che insieme alla coppia d’attacco formano una squadra possente.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Marta Bonfiglio

Marta Bonfiglio