Vai al contenuto

Inter, Thuram nuovo pupillo nerazzurro. Domani ritroverà Lautaro

Marcus Thuram è indiscutibilmente uno degli acquisti dell’ultimo mercato estivo che sta rendendo al meglio. Insieme al capitano Lautaro Martinez hanno formato una coppia d’attacco strepitosa, al momento, come dicono i numeri, la migliore del campionato. Dopo uno stop di 15 giorni circa, a causa di un infortunio alla coscia sinistra, domani il capitano nerazzurro tornerà nuovamente disponibile per Simone Inzaghi e Thuram, che tanto lo ha aspettato.

Nelle ultime due partite, il ruolo offensivo nerazzurro pesava sulle spalle del francese che a causa di un po’ di stanchezza, soprattutto con il Genoa, non ha reso al meglio. Nella gara di domani contro il Verona, Lautaro potrà tornare al fianco di Marcus, e insieme tornare ad alimentare i propri numeri. Lautaro Martinez probabilmente non partirà dal primo minuto.

Thuram energia del gruppo

L’attaccante numero 9 nerazzurro, sin dai suoi primi momenti all’Inter ha manifestato tanta voglia di dimostrare il suo valore. Arrivato a Milano in punta di piedi ha fatto mettere da parte a tanta gente i dubbi che aleggiavano sulle sue qualità: ora è un nuovo caposaldo per la squadra di Inzaghi. Non ha impiegato molto tempo ad ambientarsi nel gruppo nerazzurro, sta dando prova di grande serietà e fiducia, inoltre è sempre di buon umore, fattore importante per un gruppo unito.

Non manca soprattutto fuori dal campo la sintonia con tutti i compagni, con i quali il francese scherza e si diletta parlando di stile e generi musicali. Marcus Thuram sembra aver portato una bella ventata di aria fresca in casa Inter, più di quanta già ce ne fosse.

La sua titolarità

Marcus Thuram da inizio campionato ha fatto visita alla panchina solamente nelle coppe, precisamente nella gara di Coppa Italia del 20 dicembre, subentrando al 74esimo al posto di Marko Arnautovic e tre in Champions League a causa delle rotazioni di Inzaghi.


© Consentita la sola riproduzione parziale citando e linkando la fonte.
Marta Bonfiglio

Marta Bonfiglio