Vai al contenuto

Inter-Torino è storia: terna arbitrale al femminile per la prima volta in serie A

Prima in serie B, poi in Coppa Italia e ora (finalmente) anche in serie A: per la prima volta nel campionato italiano di massima serie la terna arbitrale designata è completamente al femminile. 

L’Inter è Campione d’Italia e si sta preparando a giocare domenica alle 12:30 in un San Siro in festa la prima sfida, contro il Torino, dopo aver raggiunto la matematica certezza della seconda stella. Se già il derby di lunedì sera ha scritto la storia, così farà anche la sfida contro i granata: per la prima volta in serie A a dirigere la partita sarà una terna arbitrale completamente al femminile.

Una designazione simile è la prima volta che si verifica in serie A: Maria Sole Ferrieri Caputi, Francesca di Monte e Tiziana Trasciatti sono pronte a scrivere un altro capitolo di storia del calcio.

Terna arbitrale al femminile: i precedenti in serie B e Coppa Italia

Inter-Torino arbitri donna

La serie A è la prima volta che vede una terna arbitrale tutta al femminile, anche se in realtà questa squadra di fischietti era già stata messa alla prova in altre situazioni: serie B e coppa Italia. La prima volta risale al dicembre 2022, in occasione della sfida Frosinone-Ternana. La seconda, invece, è più recente: nella sfida di Coppa Italia del gennaio 2023 tra Napoli e Cremonese, il Maradona ospitò la medesima terna arbitrale nella notte che vide l’eliminazione degli azzurri di Spalletti al primo turno della competizione.

In questa stagione il fischietto Ferrieri Caputi ha già diretto 15 gare: 6 in serie A (l’ultima volta all’Olimpico per la sfida tra Lazio e Lecce il 14 gennaio 2024), 8 in serie B e 1 a livello internazionale (la sfida di qualificazione agli europei Under 21). La direttrice di gara non si fa certo risparmiare i cartellini: 82 ammonizioni, un’espulsione e 7 rigori assegnati.

Domenica a pranzo verrà scritta un’altra pagina importante della storia del campionato italiano in una partita che resterà negli annali di questo sport.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Alessia Lazzaroni

Alessia Lazzaroni