Vai al contenuto

Inter-Verona, pubblicato l’audio VAR: “Si rialza, mi guarda e ricade: è furbizia di Duda”

Intervista all'arbitro Rocchi
CONDIVIDI:
Banner Libro

L’audio di Inter-Verona, partita che si è trascinata per giorni mille polemiche, molte delle quali sterili e preparate a tavolino, è stato reso pubblico in occasione dell’incontro tenutosi a Coverciano tra vertici arbitrali e stampa.

Il dialogo incriminato è certamente quello tra l’arbitro Fabbri e il varista Nasca, in occasione del gol segnato da Frattesi, nato da un calcio d’angolo nel quale avviene il contatto Bastoni-Duda. Nella registrazione si può sentire come inizialmente, il varista Nasca richiami l’attenzione dell’arbitro Michael Fabbri sull’uomo a terra in area, sostenendo la necessità di fischiare per interrompere il gioco. In seguito vi è un’ulteriore accertamento da parte di Nasca, che fa ripartire l’azione e analizza frame per frame, cercando la camera migliore per osservare il contatto. A questa segnalazione segue però la versione dell’arbitro in campo, che sostiene come Duda si sia alzato dopo il contatto, abbia guardato l’arbitro e, una volta capito che l’azione stava proseguendo, si è rimesso giù a terra. Fabbri definisce in audio il comportamento del giocatore del Verona come “furbizia” e per questo motivo alla fine decide di sorvolare sull’episodio. Infine, il controllo si sposta su un possibile fuorigioco da segnalare dopo la ribattuta di Montipò. Constatata la regolarità complessiva dell’azione, il var comunica all’arbitro che è tutto regolare, assegnando il gol all’inter.

L’audio VAR scagiona l’intervento di Bastoni

Dopo una settimana di feroci polemiche quindi, l’audio VAR scagiona l’intervento di Bastoni, che resta da evitare, sottolineando come la simulazione di Duda abbia fatto propendere l’arbitro a convalidare il gol. Di conseguenza, definire la “gomitata” di Bastoni come l‘errore più grave da quando esiste il VAR come stato fatto dall’ex arbitro Bergonzi, risulta ancora di più fuori luogo e non necessaria.

Ancora una volta, il rumore mediatico nei giorni seguenti a una partita dell’Inter viene nuovamente smontato dopo un’analisi più accurata e con audio e immagini a disposizione. Ma questo è solo l’inizio, l’accanimento mediatico registrato questa stagione sin dall’inizio nei confronti dell’Inter e di Inzaghi è superiore al passato. Bisogna prepararsi ed essere bravi a farsi scivolare addosso queste polemiche inutili sapendo che “il rumore dei nemici“, se usato saggiamente può fortificare ulteriormente il gruppo e tutto l’ambiente nerazzurro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Alessandro Guerra

Alessandro Guerra

Laureato in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali, classe 98, il mio sogno è scrivere e commentare riguardo i miei principali interessi: politica italiana ed estera, cinema e musica (hip-hop su tutti) e ovviamente trattare di sport, in particolare di calcio e di Inter. Il giocatore che mi ha fatto innamorare dei colori nerazzurri è Adriano l'Imperatore.View Author posts