Vai al contenuto

Verso Inter-Verona: le ultime notizie e la probabile formazione

Il primo turno di Serie A del 2024 è alle porte, con un weekend che sulla carta non dovrebbe portare a grandi sconvolgimenti nell’alta classifica. L’Inter di Inzaghi riceve il Verona a San Siro, squadra colpita dalle vicende societarie extra-campo e in una fase di quasi smantellamento.

I rivali principali, Milan e Juve, giocheranno rispettivamente contro l’Empoli e contro la Salernitana, entrambe in trasferta. Ma si sa, le insidie nel calcio spesso si nascondono dietro le partite che all’apparenza sembrano già dall’esito scontato. Per questo che, lato Inter, serve la massima concentrazione per non prendere sottogamba questa partita, a maggior ragione dopo lo stop subito settimana scorsa a Marassi, contro un ottimo Genoa. In questa stagione l’Inter ha sempre risposto presente dopo gli stop subiti, a differenza dello scorso anno dove quando la squadra sembrava perdere alcune certezze, si susseguivano più partite giocate decisamente sottotono, spesso dovendo aspettare la Champions per avere un risveglio e una ripresa. L’auspicio è che il trend attuale possa continuare. A portare maggiore tranquillità per la partita è sicuramente la notizia del recupero di Capitan Lautaro, pienamente rientrato in gruppo dopo l’affaticamento muscolare accusato il 21 Dicembre contro il Bologna in Coppa Italia. Anche Dimarco è rientrato in gruppo, ma non dovrebbe partire titolare.

Casa Inter

L’infermeria di Appiano si sta svuotando e Inzaghi sorride: dopo aver rinunciato a due giocatori cardine come Lautaro e Dimarco nelle partite contro Lecce e Genoa, tornano a disposizione per la partita della befana a San Siro. Lautaro, risultato più avanti nel recupero già nel corso della settimana, dovrebbe partire addirittura titolare con Inzaghi che va controcorrente e a Gennaio non ha intenzione di fare sconti, schierando la coppia d’attacco titolare. Rimane fuori solamente Cuadrado, che non sarà disponibile per un lungo periodo, e Agoume prossimo alla cessione in prestito al Siviglia. Attesa la presenza a San Siro del nuovo acquisto Buchanan per assistere alla prima partita dei nuovi compagni davanti al suo nuovo pubblico.

Il tecnico piacentino riabbraccia anche Dumfries, anche lui ora recuperato completamente, dal primo minuto con Pavard che è in vantaggio su Bisseck. Sulla corsia sinistra spazio ancora a Carlos Augusto dall’inizio, con Dimarco probabile subentro a partita in corso. Per il resto, la formazione sarà la stessa scesa in campo nei due turni precedenti, con il centrocampo confermatissimo formato da Barella, Calhanoglu e Mkhitaryan. In difesa, Sommer in porta con la linea a tre che sarà composta da Pavard, Acerbi e Bastoni. Davanti il ritorno della ThuLa.

Casa Verona

In casa Verona invece la situazione risulta più complessa, con Baroni chiamato a inventarsi qualcosa di nuovo, con gli infortuni e il mercato che stanno limitando la rosa a disposizione. Il tecnico ha perso in settimana Hien e ci sono molti rumors di mercato che riguardano anche Terracciano, Doig, Ngonge, Djuric, Faraoni, Hongla, Bonazzoli e Kall0n. Alcuni di loro, seppur convocati, potrebbero non scendere in campo per evitare di compromettere delle possibili trattative. Partita che dunque si presenta per i veronesi fortemente influenzata dal mercato. Rispetto all’ultimo turno, rientra Duda dalla squalifica ma sono fermi ai box Dawidowicz e Saponara.

Probabili Formazioni

INTER (3-5-2): Sommer; Pavard, De Vrij, Bastoni; Dumfries, Barella, Calhanoglu, Mkhitaryan, Carlos Augusto; Thuram, Arnautovic.

Panchina: Audero, Di Gennaro, De Vrij, Bisseck, Darmian, Dimarco, Asllani, Frattesi, Klaassen, Sensi, Sanchez, Arnautovic.

Allenatore: Inzaghi

Indisponibili: Cuadrado

Squalificati: Nessuno

VERONA (4-2-3-1): Montipò; Tchatchaoua, Magnani, Cabal, Doig; Suslov, Duda; Ngonge, Folorunsho, Lazovic; Djuric.

Panchina: Berardi, Perilli, Coppola, Amione, Faraoni, Terracciano, Charlys, Serdar, Hongla, Mboula, Cruz, Bonazzoli, Kallon, Henry.

Allenatore: Baroni

Indisponibili:Dawidowicz, Saponara.

Squalificati: Nessuno


© Consentita la sola riproduzione parziale citando e linkando la fonte.
Alessandro Guerra

Alessandro Guerra

Laureato in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali, classe 98, il mio sogno è scrivere e commentare riguardo i miei principali interessi: politica italiana ed estera, cinema e musica (hip-hop su tutti) e ovviamente trattare di sport, in particolare di calcio e di Inter. Il giocatore che mi ha fatto innamorare dei colori nerazzurri è Adriano l'Imperatore.View Author posts