Vai al contenuto

Inter e vittorie: ecco il record che deve battere per entrare nella storia

Inter, vittorie in serie nel 2024: sono 13 le partite disputate nel nuovo anno, tra cui anche l’andata degli ottavi di finale di Champions League contro l’Atletico Madrid, e altrettante sono le vittorie ottenute dai nerazzurri che sembrano inarrestabili. Questa sera al Metropolitano di Madrid l’obiettivo non sarà solamente la qualificazione ai quarti per entrare nel numero delle migliori otto squadre d’Europa, ma sarà una vittoria che potrebbe lanciare la formazione di Inzaghi all’inseguimento di un nuovo record.

Dopo la conclusione della giornata 28 di Serie A i punti sono 75, +16 sulla seconda, con un parziale di 70 reti messe a segno e solo 13 subite (una differenza reti di +57): numeri assolutamente da capogiro in Italia e in Europa. Il prossimo record in vista per Lautaro e compagni, però, è una sfida dal sapore orientale che si spinge oltre i confini del vecchio continente.

Nuovo record di vittorie consecutive da battere: l’Al Hilal ne fa 28 di fila

Lautaro Martinez e Mitrovic che esultano, a confronto

La notizia arriva dopo il match dell’Asian Champions League tra Al Hilal e Al Ittihad, conclusosi per 2-0 in favore della squadra dell’ex Lazio Milinkovic-Savic che ha portato il risultato complessivo di andata e ritorno sul 4-0 e ha garantito un pass per le semifinali. Questa vittoria, la numero 28 consecutiva, riscrive il record di 27 che precedentemente apparteneva ai The New Saints nella stagione 2016/2017 di massima divisione gallese.

Questa corsa incredibile comprende 16 partite di campionato, in cui l’Al Hilal guida da capolista con un vantaggio di 12 punti sull’Al Nassr di Cristiano Ronaldo, ed è ancora più impressionante se si pensa che la squadra deve fare a meno di Neymar da ottobre, fermo per la rottura del legamento crociato. Grande merito va dato alle vecchie conoscenze del calcio italiano ed europeo Koulibaly, Ruben Neves, Mitrovic e il già citato Milinkovic-Savic, oltre al tecnico Jorge Jesus che ha però voluto predicare calma, ricordando che i record non vogliono necessariamente dire trofei.

Ancora lunga, dunque, la strada per un’Inter che però sembra inarrestabile in questo 2024 che non le ha ancora mai messo di fronte un avversario in grado di fermarla. Il prossimo passo è battere di nuovo i Colchoneros del Cholo Simeone a Madrid, a casa loro, dove l’atmosfera sarà bollente e la posta in gioco sarà altissima.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Fabrizio Pettenati

Fabrizio Pettenati