Vai al contenuto

Inzaghi: “L’Atletico è cambiato. Inter tra le favorite? È una logica conseguenza”

Conferenza Simone Inzaghi. Domani l’Inter giocherà contro l’Atletico Madrid. Il fischio d’inizio è fissato per 21:00 e la partita si giocherà a San Siro. Sarà fondamentale per gli uomini di Simone Inzaghi non sbagliare, in modo da andarsi a giocare la qualificazione ai quarti al Civitas Metropolitano di Madrid senza una situazione di iniziale di svantaggio. Proprio il tecnico dei nerazzurri oggi ha tenuto la classifica conferenza stampa organizzata dall’UEFA alla vigilia dei match di coppa. Ecco le parole dell’allenatore piacentino.

Conferenza Simone Inzaghi: che Atletico aspettarsi

inzaghi thuram conferenza

Simone Inzaghi ha precisato come l’Atletico Madrid non sia più quello che abbiamo imparato a conoscere negli scorsi anni. Non è più la squadra che faceva del catenaccio il proprio punto di forza, anzi. La banda del Cholo fa del palleggio e del pressing il proprio punto di forza. L’ex allenatore della Lazio ha descritto i colchoneros come una squadra di altissima qualità, che è stata in grado di creare molti problemi persino al Real Madrid. Ha sottolineato anche come l’esperienza europea acquisita dagli spagnoli del corso di questi anni possa creare più di qualche grattacapo ai suoi. Nell’Atletico infatti sono presenti giocatori che hanno disputato partite ai Mondiali e in Champions League, tra cui anche delle finali.

Invitato a paragonare la partita di domani ad una sfida del passato, Inzaghi non ha avuto dubbi nel ricordare la partita dello scorso anno contro il Porto. Entrambe le formazioni infatti fanno della determinazione il loro punto di forza ed entrambe sono allenate da due ex nerazzurri e compagni di squadra del tecnico dell’Inter alla Lazio, cioè Simeone e Sergio Conceicao.

Non si è dichiarato sorpreso nel sentire che l’Inter è tra le favorite per arrivare in fondo alla competizione. Tutto è frutto del percorso cominciato ormai tre anni fa e del calcio espresso fino a questo momento della stagione. Ha ribadito come ad oggi l’unica preoccupazione sia quella relativa all’Atletico Madrid.

In vista del campionato

Ha precisato come il campionato sia ancora apertissimo. Per farlo, ha portato l’esempio dell’Inter, passata da -1 a +9 nel giro di pochissime settimane. Ha ribadito come nel calcio tutto possa cambiare in pochissimo tempo ed ha dichiarato che da mercoledì mattina comincerà a pensare al Lecce, prossimo avversario dei nerazzurri in Serie A.

È stata posta al tecnico dei nerazzurri anche la domanda riguardante la gestione delle energie, da dosare con parsimonia da qui fino alla fine della stagione in modo da essere competitivi su più fronti. Inzaghi a tal proposito ha ricordato di come l’anno scorso la squadra abbia messo la freccia sia in campionato che in Champions proprio quando ha cominciato a ruotare anche 8 giocatori di volta in volta. Ha aggiunto che giocando ogni tre giorni sarà importante avere tutti a disposizione, inclusi Arnautovic e Sanchez, che fino ad oggi hanno dato una grandissima mano secondo l’allenatore.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Luca Arcangeli

Luca Arcangeli