Vai al contenuto

Inzaghi elabora il piano B: necessità di vincere le partite chiave

Inzaghi prepara il piano B: dopo la vittoria del trofeo di Supercoppa italiana, il terzo consecutivo per i nerazzurri, la squadra torna a Milano e si proietta verso  il campionato concentrandosi sul prossimo appuntamento fissato per domenica 28 alle ore 20.45 a Firenze in casa dei Viola. Sebbene l’umore ad Appiano sia dei migliori da inizio stagione, in questo periodo il calendario nerazzurro diventa sempre più fitto di impegni ma attenzione e mentalità sono gli elementi chiave per portare a casa le vittorie e ritrovare la vetta, momentaneamente nelle mani della Juventus a causa della disputa del torneo di Supercoppa in Arabia da parte della squadra di Simone Inzaghi.

Fino a questo momento gli intoppi dell’Inter sono stati davvero pochi, ma ogni inciampo è diverso proprio come le vittorie. Per tale ragione Simone Inzaghi starebbe pensando a un piano di riserva per cercare di sbloccare le partite più ostiche e evitare di commettere gli stessi errori che soprattutto la scorsa stagione erano emersi. Un piano B che il tecnico nerazzurro aveva già provato lunedì sera nei minuti finali di Napoli-Inter: si tratta di un 4-3-1-2 che ha visto Alexis Sanchez essere a suo agio, dunque questo schieramento eventuale potrebbe giovare anche al cileno che fino a questo momento non ha saputo sfruttare al meglio i minuti concessi da Inzaghi, tanto da non confermare le aspettative su di lui da parte della società.

A cosa può portare il piano B di Inzaghi

L’entusiasmo di Riyad è sicuramente la reazione all’unione del gruppo e la fiducia che i ragazzi di Inzaghi hanno l’uno per l’altro e, soprattutto, verso l’allenatore. Inoltre, il nuovo schieramento provato dal Mister è una eccellente soluzione per chiudere le partite. La pedina Alexis Sanchez in questo senso avrebbe probabilmente molto più spazio, insomma si muoverebbe come jolly, il che farebbe passare a 4 la difesa e aumentare l’offensività.

Questo modulo proposto nei minuti finali contro il Napoli in Supercoppa per sbloccare il risultato e chiudere la partita, era già stato in realtà presentato contro il Verona di Baroni lo scorso 6 gennaio: Sanchez entrato nei minuti finali aveva occupato la stessa posizione di Riyad. Dunque, si può dire che Simone Inzaghi stia optando con costanza uno schieramento 4-3-1-2 per disincagliare le partite più sporche e difficili, che come detto dallo stesso Inzaghi, sono quelle che ti fanno vincere l’obiettivo di fine stagione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Marta Bonfiglio

Marta Bonfiglio