Vai al contenuto

Ital-Inter: Marotta e Ausilio programmano il prossimo colpo italiano

Ital-Inter. Da quando Beppe Marotta è arrivato all’Inter, il 13 dicembre del 2018, la politica societaria del club ha subito una netta sterzata. Fino a quel momento il club era noto per la forte tendenza nel comprare giocatori stranieri da inserire all’interno della rosa. Da quel momento in poi nulla è stato più come prima. Nel corso di questi anni sono stati fatti diversi investimenti (anche piuttosto onerosi) per giocatori italiani. Diversi di questi si sono affermati proprio a Milano, diventando veri e propri patrimoni per il club: giocatori come Barella, Bastoni, Dimarco e Darmian sono leader tecnici e carismatici di questa squadra.

All’interno della rosa sono presenti ben 9 giocatori di nazionalità italiana. Ben 5 di questi sono al momento impegnati con la Nazionale allenata da Luciano Spalletti (6 contando anche Francesco Acerbi, convocato ma allontanato dal ritiro per via della querelle in corso con Juan Jesus). È proprio l’Inter la squadra che ha fornito più giocatori agli Azzurri, uno scenario impensabile fino a qualche anno fa. Beppe Marotta e Piero Ausilio intendono continuare con la nuova strada intrapresa e per farlo stanno già pensando al prossimo innesto italiano da aggiungere alla rosa.

Ital-Inter: interessa un difensore della Nazionale

nazionale squadra

L’Inter in questo momento si trova con un grosso punto interrogativo al centro della propria difesa. La questione relativa a Francesco Acerbi potrebbe portare il difensore a lasciare Milano. De Vrij, nonostante le recenti ottime prestazioni, sembra entrato nella parabola discendente della propria carriera. Dunque gli uomini di mercato del club stanno concentrando tutti i propri sforzi nella ricerca di un profilo che possa disimpegnarsi al centro della difesa a tre di Simone Inzaghi.

L’identikit che mette tutti d’accordo nell’ambiente è quello di Alessandro Buongiorno. Il centrale del Torino gioca da anni in un sistema a tre e da qualche mese mese è entrato pure in pianta stabile nel giro della Nazionale. È diventato titolare fisso del club granata in seguito alla cessione di Bremer. Nonostante l’ingrato compito di sostituire il brasiliano, Buongiorno si è sempre distinto con ottime prestazioni, che addirittura gli sono valse la fascia di capitano del club per cui tifava fin da bambino.

Se a livello tecnico non ci sono dubbi, i nerazzurri nutrono maggiori preoccupazioni sotto il punto di vista economico. La valutazione del cartellino del classe ’99 si aggira attorno ai 35 milioni di euro e la concorrenza sembra serrata. Il Milan lo scorso gennaio ha fatto un tentativo per il giocatore, vedendosi chiudere le porte in faccia. Le probabilità che in estate i rossoneri si rifondano sul giocatore sono elevate. Il rischio che si crei un’asta è concreto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Luca Arcangeli

Luca Arcangeli