Vai al contenuto

La FIGC indaga su Acerbi e Inzaghi: ecco perché

La Procura federale della FIGC ha iniziato ad indagare su due episodi avvenuti durante Roma-Inter e che riguardano Francesco Acerbi e l’allenatore dei nerazzurri Simone Inzaghi. I due saranno ascoltati nei prossimi giorni, con soprattutto il difensore che rischia la squalifica: ecco il motivo per cui Acerbi e Inzaghi sono indagati.

Secondo quanto riportato da La Gazzetta dello Sport, la Procura federale ha iniziato le indagini sul dito medio che il difensore interista ha indirizzato ad alcuni tifosi presenti in Tribuna Montemario. Questo episodio è avvenuto dopo il controllo Var effettuato dall’arbitro Marco Guida sull’episodio del gol proprio di Acerbi. I tifosi della Roma hanno “dedicato” dei cori ignobili nei confronti centrale nerazzurro, e che ha deciso di rispondere con un gesto poco signorile come quello del dito medio.

La FIGC apre un fascicolo nei confronti di Acerbi e Inzaghi

Per questo motivo, il procuratore Giuseppe Chinè ha aperto un indagine e Acerbi verrà ascoltato nei prossimi giorni: per lui possibile si arrivi a un patteggiamento, in modo da dover pagare solo una pesante multa. Ma in caso contrario, per il difensore potrebbe arrivare anche una squalifica.

Mentre, per quanto riguarda l’allenatore dell’Inter Simone Inzaghi, la FIGC indaga sulla presunta telefonata che il tecnico nerazzurro ha effettuato al termine del primo tempo della partita contro la Roma, con l’Inter che era sotto 2-1 nel punteggio. Si tratta di un’azione non consentita nel regolamento, visto che Inzaghi era comunque squalificato, ed anche lui verrà ascoltato da Chinè. Possibile che per l’allenatore nerazzurro arriverà una multa salata, ma bisognerà attendere la decisione della Procura nei prossimi giorni.


© Consentita la sola riproduzione parziale citando e linkando la fonte.
Emanuele Di Vitto

Emanuele Di Vitto