Vai al contenuto

La prima senza Joe Barone: cori, striscioni e maxi-coreografia al Franchi

Fiorentina-Milan La partita di stasera tra Fiorentina e Milan non sarà una come tutte le altre per i viola. Oltre all’aspetto puramente sportivo, la portata emotiva del match sarà molto importante per la formazione toscana che è reduce dalla perdita di Joe Barone, direttore generale e braccio braccio destro del presidente Rocco Commisso. Barone che aveva accusato un malore prima della trasferta a Bergamo contro l’Atalanta, poi rinviata a data da destinarsi.

Sul piano sportivo la Fiorentina deve assolutamente vincere per ritrovare un po’ di continuità in questo 2024, partito malissimo dopo la buona prima parte di stagione. Per il Milan invece è importante proseguire il buon momento di forma dei rossoneri e vorrebbe vincere per blindare il secondo posto in campionato dietro ai cugini dell’Inter sempre più vicini allo scudetto.

Fiorentina-Milan in ricordo di Barone: ecco le iniziative della Fiesole

joe barone fiorentina

Sugli spalti del Franchi di Firenze ci saranno una serie di iniziative per rendere omaggio al direttore generale scomparso Joe Barone. Non la prima tragedia accaduta in casa dei viola che il 4 marzo 2018 persero per sempre il loro capitano Davide Astori. Dopo 6 anni è ricapitata una tragedia e in quel caso l’allenatore era Stefano Pioli, che la Fiorentina troverà come avversario questa sera sulla panchina rossonera: una strana coincidenza.

Lo stadio farà registrare il tutto esaurito, con la curva Fiesole che ha organizzato delle iniziative per omaggiare il defunto dirigente. Fumogeni viola, striscioni ed una coreografia coinvolgerà la curva e la tribuna Maratona in ricordo di Barone. I cori assordanti spingeranno la Fiorentina a conquistare la vittoria come successe sei anni fa dopo la scomparsa del capitano, quando Vitor Hugo segnò di testa contro il Benevento per conquistare la prima vittoria senza Davide Astori.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Andrea Tagliabue

Andrea Tagliabue

Sono Andrea, ho 24 anni e sono tifoso dell'Inter sin dalla nascita. La passione per il giornalismo sportivo è nata quando ero piccolo e da quando ho 15 anni sogno di lavorare nel settore sportivo. Sono un assiduo consumatore di tutto ciò che è calcio e non disdegno un'occhiata agli sport americani (basket, football, baseball, hockey su ghiaccio) e gli sport motoristici.View Author posts