Vai al contenuto

L’attacco 2024/2025 ha giù due punti fermi: da capire chi completerà il reparto

L’attacco nerazzurro della prossima stagione. Trovare il pelo nell’uovo a questa Inter sembra quasi impossibile, nella stagione 2023/2024 ha dato prova di avere grande mentalità, forza fisica, carattere, prestigio, personalità e chi più ne ha più ne metta. Pochi inciampi fino ad ora grazie a un gruppo e a un allenatore che insieme hanno dato vita a una macchina da gol formidabile che palesa grande calcio.

Provando a fare un’analisi più ravvicinata, il reparto più traballante è quello offensivo e non in chiave gol quanto più nel rendimento di chi siede in panchina. Il capitano Lautaro Martinez e il suo fedele compagno Marcus Thuram stanno gridando al calcio italiano di essere una coppia fenomenale, ma le riserve alle loro spalle urlano un po’ meno. Sanchez e Arnautovic difatti non sono esplosi come, forse, si pensava a inizio stagione e questo non ha dato certezze positive al club nerazzurro.

L’attacco della prossima stagione

Taremi Inter
Medhi Taremi – Prossimo attaccante nerazzurro

Nella prossima sessione estiva di mercato dopo quanto visto in questa stagione naturalmente si attendono delle mosse ragionevoli circa l’acquisto di giocatori da inserire nel reparto offensivo per dare una grande mano sul terreno di gioco e allargare quanto più la rosa per Simone Inzaghi.

La prima mossa sarà sicuramente il rinnovo del capitano che, come dichiarato dall’a.d. Beppe Marotta arriverà entro fine stagione e poi con ogni certezza anche Marcus Thuram dovrebbe restare al suo posto insieme all’argentino. C’è già un punto fermo dal nome Medhi Taremi, il giocatore iraniano che il 30 giugno lascerà il Porto per approdare nella Milano nerazzurra. I primi importanti mattoncini per l’attacco della stagione 2024/2025 stanno per essere confermati, ora bisogna attendere per conoscere le prossime manovre della società circa il reparto offensivo per dare ancora più vigore di quanto già non ce ne sia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Marta Bonfiglio

Marta Bonfiglio

Tag: