Vai al contenuto

Lautaro: “Inter come una grande famiglia. La Champions? È un obiettivo”

Lautaro Martinez ha parlato ai microfoni di Uefa Champions League Magazine nell’ultimo episodio raccontando curiosità, confessioni, dettagli personali e obiettivi sul campo. Il numero 10 nerazzurro si è soffermato anche sulla sua storia e su frasi o parole particolarmente significative per lui: ecco le dichiarazioni che ha rilasciato l’argentino.

Il toro inizia parlando dei suoi tatuaggi e spiega: “Il primo l’ho fatto a 15 anni anche se mia mamma pensava che fossi troppo giovane. Ho iniziato con il nome di mio nonno”. Per tutti gli altri, poi, l’ex Racing racconta che rappresentano se stesso, ancora la sua famiglia o frasi che lo caratterizzano in modo speciale.

Lautaro e la sua storia: “Nella mia famiglia si respirava calcio, era la mia strada”

Lautaro Martinez ora e nelle sue passate maglie dell'Inter

“La nostra famiglia aveva davvero poco, è  stato difficile, ma mi ha fatto crescere” dice Lautaro a proposito delle difficili condizioni economiche in cui si trovava a vivere in Argentina. A casa sua, però, il calcio non è mai mancato: “Ho capito che dovevo seguire il calcio perché era la mia strada, da me lo sport è sempre stato parte della famiglia”

Il capitano nerazzurro ha poi spiegato anche l’origine del suo soprannome, “Il toro“: “Al Racing mi chiamavano così perché ero sempre deciso e cattivo nei duelli”, e così testimonia anche un altro tatuaggio: “Sul braccio ho proprio scritto «Quel che non mi uccide mi fortifica», mi ci identifico molto e mi ricorda quello che ho passato da piccolo”.

Sull’Inter, poi, Lautaro ha soltanto parole calorose ma anche determinate: “Le cose sono più semplici se sei in un gruppo di amici e fratelli che viaggiano insieme. La Champions? Ogni trofeo è un obiettivo quando giochi per una squadra come la nostra”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Fabrizio Pettenati

Fabrizio Pettenati