Vai al contenuto

Lautaro, polveri bagnate. Sarà lui l’uomo derby?

L’annata di Lautaro è stata grandiosa ma al momento le polveri sono un po’ bagnate. Il Toro infatti è a secco di gol in campionato da ben 4 partite consecutive.

La stagione di Lautaro Martinez, finora, è stata superlativa. Divenuto capitano dopo l’addio di Handanovic, il Toro da quest’anno si è preso sulle spalle tutto il peso dell’attacco dell’Inter, aiutato ottimamente da un compagno ottimale come Marcus Thuram, diventando lui la vera prima punta del club. Al momento, il Toro è a quota 23 reti in campionato in 28 partite, miglior marcatore della Serie A con distacco da Vlahovic, secondo, a quota 16.

Oltre alla raffica di reti in campionato, il nativo di Bahia Blanca è stato determinante per la conquista della Supercoppa Italiana con il gol che ha deciso la finale contro il Napoli al minuto 91. Mentre in Champions, le prestazioni sono state più altalenanti, con solo due gol segnati e la macchia del rigore decisivo fallito agli ottavi contro l’Atletico Madrid.

Il digiuno del Toro: non segna in campionato dal 28 febbraio

Lautaro Martinez ora e nelle sue passate maglie dell'Inter

Ultimamente però le reti al Toro stanno mancando come il pane. Al momento, l’ultimo gol realizzato da Lautaro in campionato risale al 28 febbraio contro l’Atalanta, con quel meraviglioso sinistro, nel 4-0 sui bergamaschi. Da quel momento quattro partite in campionato (più una panchina a Bologna e la squalifica di settimana scorsa) senza trovare la via del gol. Questo è il digiuno più lungo della stagione per il Toro che ora è pronto a riscattarsi.

Infatti, non è assolutamente da escludere che Lautaro si sia tenuto il meglio per il derby e non possa risultare decisivo per scudetto già questa sera, magari segnando il gol che assicurerebbe lo scudetto numero 20 all’Inter e che gli farebbe sollevare la coppa in quanto capitano.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Andrea Tagliabue

Andrea Tagliabue

Sono Andrea, ho 24 anni e sono tifoso dell'Inter sin dalla nascita. La passione per il giornalismo sportivo è nata quando ero piccolo e da quando ho 15 anni sogno di lavorare nel settore sportivo. Sono un assiduo consumatore di tutto ciò che è calcio e non disdegno un'occhiata agli sport americani (basket, football, baseball, hockey su ghiaccio) e gli sport motoristici.View Author posts