Vai al contenuto

Lautaro si prepara ad alzare lo scudetto da capitano. Adesso il suo sogno è la Champions

lautaro festa scudetto
CONDIVIDI:
Banner Libro

Lautaro è pronto ad alzare al cielo lo scudetto e sogna la Champions League.

Il tempo stringe e l’Inter si prepara a festeggiare uno scudetto dal valore storico davanti al suo pubblico.

Nella gara casalinga contro la Lazio, l’ultima a San Siro della stagione, la squadra di Simone Inzaghi si augura di conquistare i 3 punti per poi ricevere tutto l’affetto possibile da parte della tifoseria che, insieme ai suoi beniamini, potrà vedere da vicino la coppa dello scudetto.

Ad alzare al cielo lo scudetto della seconda stella sarà Lautaro Martinez, capitano e uomo simbolo dell’Inter di quest’ultimo periodo. L’attaccante argentino potrebbe togliersi una doppia soddisfazione: mostrare il trofeo ai suoi tifosi e vincere il titolo di capocannoniere. Se la situazione legata al rinnovo deve ancora risolversi e tutti si augurano che possa concludersi nel migliore dei modi, le ambizioni del numero 10 argentino restano molto importanti.

Il capitano nerazzurro, arrivato a Milano nel 2018, è molto orgoglioso del tricolore conquistato insieme ai suoi compagni. Il titolo lo ripaga dopo diverse sofferenze vissute con la maglia dell’Inter negli ultimi 2 anni. Nel corso di questa stagione il Toro di Bahia Blanca ha svolto un ruolo fondamentale sia in campo che nello spogliatoio come capitano e leader indiscusso della squadra.

Questo scudetto è il suo settimo titolo da quando veste la maglia dell’Inter ed è il primo che vince da capitano e da capocannoniere. Nella storia nerazzurra solo Ibrahimovic, Boninsegna, Meazza e Serena sono riusciti nell’impresa di vincere scudetto e titolo di re dei bomber nello stesso anno.

Il nuovo obiettivo di Lautaro è conquistare il titolo internazionale più ambito: la Champions League, che ha sfiorato lo scorso 10 giugno nella finale contro il Manchester City e non sfigurare anche nel Mondiale per Club in programma negli Stati Uniti il prossimo anno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Simone Ambroso

Simone Ambroso